Bonus scuola 200 euro per comprare libri scolastici. Ecco chi può richiederlo

alcuni scaffali pieni di libri scolastici

Tra le varie agevolazioni che dovrebbero offrire un qualche aiuto economico alle famiglie italiane, alle prese con rincari insostenibili sulle bollette e gli esorbitanti aumenti dei prezzi generalizzati, ve ne sono alcune volte a ridurre la spesa per l’acquisto di libri scolastici.

Parliamo in questo caso specifico del bonus Scuola introdotto dalla Regione Veneto, che permette di ottenere fino a 200 euro di sconto sull’acquisto dei libri di testo. Il bonus è però riservato ai nuclei familiari con Isee basso, quindi alla domanda sarà necessario allegare l’Isee aggiornato. Inoltre vi sono altri requisiti da soddisfare.

Bonus Scuola 200 euro, come funziona e a chi spetta

Per l’acquisto dei libri scolastici le famiglie italiane si trovano ogni anno a sostenere una spesa non indifferente, e specie in questo periodo critico per l’economia del Paese affrontare queste spese diventa ancora più difficile.

Secondo le stime più recenti, nel 2022 per l’acquisto di libri, quaderni e quant’altro le famiglie italiane hanno speso mediamente il 7% in più rispetto al 2021, con una quota complessiva di spesa che ha raggiunto i 1.300 euro a studente.

È emerso che una famiglia italiana con un figlio in età scolastica spende mediamente per il corredo scolastico e il materiale tecnico 588 euro, con una spesa per i libri di testo che può andare da un minimo di 300 a un massimo di 600 euro per singolo studente, a seconda della scuola e del grado di istruzione.

Naturalmente anche i prezzi dei libri sono lievitati, e d’altra parte quella della carta è una delle industrie energivore, quindi una di quelle che hanno subito i danni economici maggiori per via degli aumenti del costo dell’energia legati prevalentemente alla scelta politica di imporre sanzioni contro la Russia nell’ambito della crisi ucraina.

Bonus scuola 200 euro, quali sono i requisiti

Il bonus scuola da 200 euro è stato introdotto dalla Regione Veneto, il che significa che a beneficiarne potranno essere solo i cittadini residenti nel territorio della Regione del Nord Est italiano. Premesso questo, vediamo quali sono i requisiti da soddisfare per accedere all’agevolazione.

La Regione Veneto ha stanziato in tutto 6.294.168 euro per il bonus Scuola 2022-2023, e l’importo è stato suddiviso tra le varie amministrazioni locali.

Per accedere al bonus infatti il cittadino in possesso dei requisiti previsti deve rivolgersi direttamente al proprio Comune di residenza, ma a chi spetta esattamente il bonus e quali sono i requisiti da soddisfare? L’accesso al bonus è garantito per tutte le scuole, comprese le scuole formative accreditate dalla Regione Veneto che erogano percorsi triennali o percorsi quadriennali di istruzione e formazione professionale accreditate e riconosciute.

A richiedere il bonus può essere sia il genitore che il soggetto esercente la responsabilità genitoriale, oppure lo studente stesse se maggiorenne, a patto che risulti regolarmente iscritto e frequentante le istituzioni scolastiche.

Più nel dettaglio la Regione Veneto ha introdotto due contributi diversi a seconda dell’Isee del nucleo familiare del beneficiario. Avremo quindi:

  • un bonus fino a 200 euro con Isee fino a 10.632,94 euro
  • un bonus fino a 150 euro con Isee compreso tra 10.632,94 e 15.748,78 euro.

Per quali spese si può usare il bonus Scuola da 200 euro

Il bonus scuola da 200 euro messo a disposizione dalla Regione Veneto si può usare per acquistare libri di testo ed elaborati didattici come dispense, ricerche e programmi espressamente scelti dalla scuola.

Non solo, con lo stesso bonus si possono anche acquistare ausili indispensabili per la didattica, come ad esempio audio-libri per non vedenti e strumenti digitali.

Non si può invece usare il bonus scuola da 200 euro per comperare dizionari, strumenti musicali, materiale scolastico e dotazioni tecnologiche, vale a dire che sono esclusi gli articoli di cancelleria, le calcolatrici, stecche, personal computer, tablet, smartphone e altri articoli analoghi.

Quanto alle modalità per fare domanda per il bonus Scuola da 200 euro della Regione Veneto, la procedura da seguire è molto semplice. Il soggetto interessato al bonus deve inviare domanda per via telematica entro e non oltre il 17 ottobre 2022 attraverso il sito della Regione Veneto.

Per fare domanda tramite il sito web ufficiale della Regione è necessario accedere alla propria area personale utilizzando le credenziali SPID, CIE o CNS.

Inoltre il richiedente deve poi inoltrare al proprio Comune di residenza copia della domanda con il numero identificativo che è stato assegnato all’atto dell’invio telematico dal portale web messo a disposizione dalla Regione Veneto.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Fisco

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.