Analisi e previsioni sul cambio USD/INR: il dollaro Usa perde slancio di fronte alla forte crescita del PIL dell’India

Il dollaro USA perde slancio contro la forte crescita del PIL indiano - BorsaInside.com

La Rupia Indiana (INR) si è distinta venerdì, guadagnando forza in risposta a un più robusto tasso di crescita dell’India nel terzo trimestre dell’anno fiscale corrente. Il PIL del paese ha registrato un notevole aumento del 7,6%, consolidando la sua posizione come l’economia a più rapida crescita, secondo i dati del ministero delle statistiche di giovedì.

Questa espansione economica è stata alimentata da solide performance nei settori manifatturiero, minerario e delle costruzioni, insieme alle ingenti spese governative. Un risultato che ha superato le previsioni della Reserve Bank of India (RBI), posizionandosi al di sopra del 6,5% previsto.

PIL indiano in forte crescita: cosa dicono gli ultimi dati economici

L’impulso dell’economia indiana è stato guidato dalle spese governative e dalle robuste performance in settori chiave. Il comparto manifatturiero, il settore minerario e quello delle costruzioni hanno contribuito significativamente a questa crescita. I dati positivi sottolineano la forza dell’economia indiana, che continua a prosperare nonostante le sfide globali.

Nonostante un calo dell’inflazione al minimo di quattro mesi, attestandosi al 4,87% a ottobre, si prevede che la RBI mantenga una posizione restrittiva nella sua prossima politica monetaria. La persistente pressione inflazionistica, proiettata al di sopra del target del 4% della RBI per i prossimi due anni, indica un approccio prudente da parte della banca centrale. Le aspettative di mercato indicano la stabilità del tasso chiave di interesse al 6,50%, mantenuto invariato per il quinto incontro consecutivo.

I dati sul PMI USA e il discorso di Powell

Gli operatori di mercato rivolgono la loro attenzione al PMI manifatturiero ISM degli Stati Uniti per novembre, previsto venerdì. Le aspettative indicano una crescita da 46,7 a 47,6, fornendo una panoramica della salute economica statunitense. Inoltre, il discorso del presidente della Fed, Jerome Powell, aggiunge un elemento di incertezza.

Le aspettative di un allentamento della politica della Fed si intensificano, con i future sui fondi della Fed che prevedono ora cinque tagli di un quarto di punto nel prossimo anno, secondo il CME Group.

Analisi tecnica: previsioni sul cross USD/INR

La Rupia Indiana (INR) mantiene una visione positiva secondo l’analisi tecnica. La coppia USD/INR ha oscillato all’interno di un range tra 82,80 e 83,40 dal settembre. Tecnicamente, l’USD/INR mostra un atteggiamento rialzista, mantenendosi sopra la chiave media mobile esponenziale a 100 giorni (EMA) sul grafico giornaliero. L’Indice di Forza Relativa (RSI) a 14 giorni rafforza il momentum al rialzo, mantenendosi sopra la linea di mezzo a 50,0.

Il limite superiore del range a 83,40 rappresenta un obiettivo immediato per i tori USD/INR. Possibili acquisti potrebbero portare la coppia alla prossima resistenza al massimo dell’anno (YTD) di 83,47, in rotta verso la cifra tonda psicologica di 84,00. Al contrario, il livello critico di contendibilità si situa a quota 83,00, e una sua violazione potrebbe aprire la strada alla parte inferiore del range di trading e al minimo del 12 settembre a 82,80, seguito dal minimo dell’11 agosto a 82,60.

Il Dollaro statunitense mostra una debolezza significativa, soprattutto contro il Dollaro della Nuova Zelanda. Questo andamento potrebbe influenzare ulteriormente la dinamica tra l’USD/INR nei prossimi giorni.

La Rupia Indiana si rafforza quindi grazie alla robusta crescita economica, mentre gli occhi degli operatori di mercato rimangono fissi sugli sviluppi globali, in particolare sul PMI USA e sulle prossime decisioni della Fed. La combinazione di fattori locali e internazionali potrebbe plasmare l’andamento dell’USD/INR nei prossimi periodi, offrendo opportunità di trading interessanti per gli investitori attenti e pronti a cogliere le sfumature del mercato valutario.

Solo nei migliori broker CFD hai la possibilità di fare trading sul cross Usd/Inr. Noi consigliamo eToro (qui la recensione), dove puoi aprire un conto demo gratuito da 100mila euro virtuali per imparare a fare trading senza correre il rischio di perdere soldi veri.

eToro logo piccolo

Per fare trading forex con eToro clicca qui, e potrai aprire il conto demo gratis per iniziare senza rischiare.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading