L’OPEC+ riduce ancora la produzione di greggio: perché per le banche centrali è un bel problema?

Come abbiamo ricordato poche ore fa in un altro nostro focus, I membri dell’OPEC+ riducono la produzione globale di altri 1,16 milioni di barili al giorno fino alla fine dell’anno e per le banche centrali potrebbe essere un problema, considerato che potrebbe essere più difficile contenere l’inflazione globale.

Non è un caso che Washington sia intervenuta per criticare l’annuncio in cui otto produttori OPEC+ – tra cui il leader del gruppo, l’Arabia Saudita, e gli alleati chiave Kuwait ed Emirati Arabi Uniti – hanno dichiarato che avrebbero eliminato dal ritmo di produzione quotidiana più di un milione di barili nell’ambito di un’iniziativa indipendente non legata alla più ampia politica OPEC+.

A ciò si aggiunga anche il fatto che la Russia vuole tagliare altri 500.000 barili al giorno della propria produzione rispetto ai livelli di febbraio, fino alla fine dell’anno, portando così i tagli volontari complessivi dei membri dell’OPEC+ a oltre 1,6 milioni di barili al giorno.

barili petrolio

Il previsto aumento dei prezzi del petrolio per il resto dell’anno, a seguito di questi tagli volontari, potrebbe alimentare l’inflazione globale, spingendo le banche centrali di tutto il mondo ad assumere un atteggiamento più falco nei confronti dei rialzi dei tassi di interesse. Questo, tuttavia, ridurrebbe la crescita economica e l’espansione della domanda di petrolio“, ha dichiarato Victor Ponsford di Rystad Energy in una nota.

Bisogna ora comprendere cosa gli USA potranno e vorranno fare. Potrebbero ad esempio cercare di contrastare l’aumento dei prezzi rilasciando ulteriori volumi dalle loro riserve strategiche di petrolio.

Una fonte anonima dell’OPEC+ ha dichiarato che le discussioni per coordinare ulteriori tagli indipendenti hanno preso piede verso la fine della scorsa settimana, quando la volatilità del settore bancario in seguito ai fallimenti di diversi istituti di credito statunitensi e svizzeri ha eroso la fiducia degli investitori in asset storicamente più volatili, come il petrolio.

I delegati dell’OPEC+ avevano precedentemente espresso la convinzione che l’impatto sul petrolio delle turbolenze bancarie sarebbe stato di breve durata, mentre a più lungo termine si ponevano interrogativi sull’incombente domanda di una Cina in fase di riapertura, il più grande consumatore del mondo. 

Ad ogni modo, comunicano alcuni analisti, un gesto coordinato di tale portata ha creato di fatto un secondo accordo non ufficiale in aggiunta alla strategia formale OPEC+ già esistente, che non richiede impegni formali e può essere più facilmente difeso quando i rappresentanti affrontare le pressioni dei propri governi o delle compagnie petrolifere statali per aumentare la produzione e le entrate a breve termine. I tagli indipendenti, inoltre, evitano la necessità di un’approvazione unanime da parte dei membri dell’OPEC+ ed evitano provvisoriamente le accuse esterne di un comportamento organizzato contro i consumatori.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading