Guerra commerciale globale, UE risponderà a USA con 300 miliardi di dollari di dazi

guerra commerciale

L'UE minaccia risposte per 300 mln dollari su alcuni prodotti statunitensi: è guerra commerciale globale?

CONDIVIDI

In quella che potrebbe segnare una nuova fase dell’escalation nelle tensioni della guerra commerciale globale, l'Unione Europea ha annunciato la possibilità di dar seguito a nuove tariffe per circa 300 miliardi di dollari su prodotti statunitensi. Una “minaccia” che appare essere subordinata al fatto che il presidente Donald Trump porti a termine la sua idea di applicare nuove tasse sui produttori di automobili europei.

In una lettera inviata venerdì al Dipartimento del commercio degli Stati Uniti, “intercettata” dal Financial Times, la Commissione europea ha avvertito che Trump potrebbe scatenare una devastante guerra commerciale globale con le sue promesse tariffarie sul comparto auto. Pur non prevedendo misure specifiche, la lettera sottolinea come l'UE e le altre principali economie fossero "propense" a dar seguito a una risposta contro un'ampia gamma di prodotti statunitensi - aggiungendo tariffe fino a 294 miliardi di dollari.

Peraltro, lanciando un nuovo attacco alla macro regione, Trump ha affermato che l'UE è “cattiva come la Cina” quando si tratta di sfruttare l'industria automobilistica statunitense, parlando in un'intervista a Fox News di domenica. “È terribile quello che hanno fatto a noi. Unione Europea: dai un'occhiata alla situazione dell'automobile. Mandano una Mercedes ma non possiamo inviare le nostre auto”, ha detto Trump nell'intervista.

La discussa intervista a Fox giunge dopo che, qualche ora prima, Trump aveva minacciato di applicare il 20% di tariffe alle auto europee, in risposta alla decisione dell'UE di imporre dazi del 25% su più di 3 miliardi di dollari di beni degli Stati Uniti, che a sua volta appariva come una sorta di rappresaglia alle tariffe USA su acciaio e alluminio che l'amministrazione Trump ha messo in atto il 1 giugno.

Il documento dell'UE avvertiva che le tariffe avrebbero costituito un obiettivo egoistico per l'economia degli Stati Uniti, valutata l'intricata catena di fornitura dell'industria automobilistica di quella nazione, e che avrebbero innescato un pregiudizio tra 13 e 14 miliardi di dollari sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti.

Trump ha però commentato affermando che le minacce tariffarie contro le importazioni globali di auto sono il metodo più efficace per ottenere concessioni dai partner commerciali degli Stati Uniti, in un contesto di ricerca di una migliore sicurezza nazionale. L'UE ha tuttavia contestato che gli argomenti di sicurezza nazionale sollevati da Trump non fossero basati su alcun fatto e avrebbero potuto minare il sistema commerciale globale.

“Questo sviluppo danneggia il commercio, la crescita e l'occupazione negli Stati Uniti e all'estero, indebolisce i legami con amici e alleati e sposta l'attenzione dalle sfide strategiche condivise che minacciano realmente il modello economico occidentale basato sul mercato” – aggiunge il documento UE.

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro