Previsioni economia americana 2021: sarà piena ripresa il prossimo anno?

Con l’approssimarsi della fine dell’anno, iniziano a circolare i primi report contenenti le previsioni economiche per il 2021. In questo post ci occuperemo delle stime sul possibile andamento dell’economia americana. Per affrontare il tema faremo riferimento ad un sondaggio che è stato realizzato dalla National Association for Business Economics (Nabe) tra numerosi economisti. Per la cronaca la Nabe è la maggiore associazione a livello internazionale per economisti applicati ma anche strateghi, accademici e politici attivi in ambiti economici. Il fatto che il campione del sondaggio sia stato esteso è segno di una certa attendibilità della rilevazione. 

Prima di esporre nel dettaglio quelli che sono stati i risultati dell’analisi, precisiamo che conoscere le previsioni Usa 2021 non significa solo soddisfare un giusto bisogno di curiosità ma bensì avere in mano anche elementi concreti per capire come dove investire. A tal riguardo ricordiamo che per investire in borsa ma anche sul Forex, sulle materie prime e su tanti altri asset, puoi operare da una sola piattaforma. Per farlo non devi far altro che scegliere i migliori broker Forex e CFD. Ad esempio con eToro (leggi qui la recensione completa) avrai subito la demo gratuita da 100 mila euro per imparare ad investire senza correre il rischio di perdere soldi reali. 

Prova il CFD Trading: demo gratis eToro da 100.000€ >>> clicca qui

eToro pratica

Previsioni economiche Usa 2021: i risultati

Il 2020 è stato un anno terribile a causa della pandemia di coronavirus e del successivo lockdown. L’emergenza a livello globale non è ancora finita ma, grazie all’arrivo del vaccino, il sentiment per il prossimo anno è molto positivo. Questa la situazione di partenza nella quale inquadrare le previsioni sull’economia Usa 2021. 

Ma veniamo ai numeri. Secondo il sondaggio della Nabe il 73 per cento degli economisti interpellati ritiene che gli Stati Uniti possa riuscire a tornare ai livelli pre-pandemici già nella seconda metà del prossimo anno. E’ significativo evidenziare che, appena un paio di mesi fa, la percentuale era pari solo al 38 per cento. Infatti la stragrande maggioranza degli economisti intervistati riteneva che la ripresa non ci sarebbe stata prima del 2022. Cosa ha fatto cambiare idea alla maggioranza degli intervistai? Ovviamente la scoperta di nuovi vaccini. 

Nonostante questo quadro edificante non mancano comunque le preoccupazioni per il futuro. Ovviamente la paura principale riguarda l’andamento della pandemia di covid19. Anche nel caso in cui dovesse iniziare la somministrazione di massa del vaccino, almeno all’inizio il numero dei soggetti vaccinati sarebbe comunque basso. Se a ciò si aggiunge il fatto che in inverno è solita imperversare l’influenza tradizionale, si può avere una percezione delle difficoltà con cui gli Usa, ma anche gli altri stati, dovranno fare i conti nel 2021. 

Ma lasciando perdere il fattore coronavirus, secondo il sondaggio il rischio maggiore per il 27 per cento degli economisti citati dalla Nabe è l’assenza di nuovi stimoli fiscali da parte dell’amministrazione Usa. 

Previsioni economia Usa 2020: il parere dei dirigenti d’azienda.

Previsioni economiche positive tra i dirigenti d’azienda americani. Stando alla ricerca, infatti,  ben il 40 per cento dei chief executive del Business Roundtable (associazione che riunisce i leader della Corporate America, in rappresentanza di ogni settore industriale) ritiene che sia possibile tornare ai  livelli precedenti alla pandemia di coronavirus entro la fine del 2021.

Da evidenziare come l’indice che misuri l’outlook dei chief executive abbia messo a segno una progressione di ben 22,2 punti arrivando fino a 86,2 punti nel quarto trimestre. Per l’ìndicatore si tratta del secondo aumento consecutivo dopo una lunga striscia negativa che era durata addirittura nove trimestri. Grazie ai recenti rialzi, l’indice è ora salito sopra quella che è la sua media storica anche se continua ad essere sotto ai massimi di 118,6 punti che erano stati r aggiunti n el primo trimestre 2018 in scia alla riforma fiscale che fu allora varata dall’amministrazione Trump. 

Insomma sia dalla Business Roundtable che dalla Neba arrivano previsioni positive sull’economia Usa 2021. L’effetto negativo creato dal covid19 potrebbe presto essere lasciato alle spalle. 

Pronti ad approfittare di questa situazione investendo su tanti mercati diversi attraverso i CFD? Per farlo è sempre consigliabile partire dalla demo eToro (qui il sito ufficiale)

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.