Secondo Refinitiv, gli investitori sui fondi europei stanno emulando comportamenti tipici dei periodi storici di crisi, tra cui la crisi finanziaria globale del 2008.

Un ambiente di mercato debole, le persistenti preoccupazioni per la pandemia di Covid-19 e le emergenti tensioni geopolitiche in Europa hanno infatti fatto sì che l’industria dei fondi del vecchio Continente abbia visto deflussi netti a febbraio tali da portare i flussi complessivi fino a quest’anno a -57,2 miliardi di euro.

I fondi comuni hanno finora affrontato 67,6 miliardi di euro di deflussi nel solo mese di febbraio. Nel frattempo, gli exchange-traded fund (ETF) – panieri di titoli che si scambiano su borse regolari – hanno beneficiato afflussi per 9,2 miliardi di euro.

“In questo contesto di mercato e date le incertezze economiche ci si aspetterebbe che gli investitori europei vendessero fondi a lungo termine e acquistassero prodotti del mercato monetario”, ha detto Detlef Glow, responsabile della ricerca Lipper EMEA di Refinitiv. “Pertanto, è un po’ sorprendente che gli investitori europei abbiano venduto prodotti del mercato monetario, che sono normalmente considerati investimenti di rifugio sicuro”.

Le cifre complessive dei flussi sono state fortemente influenzate da 49,4 miliardi di deflussi dai prodotti del mercato monetario – investimenti di debito a breve termine – il che significa che i fondi a lungo termine hanno effettivamente affrontato solo circa 9 miliardi di euro di deflussi anche in un ambiente di mercato così turbolento. Nei primi due mesi dell’anno, i fondi comuni hanno visto 91,9 miliardi di euro di deflussi, mentre gli ETF hanno registrato afflussi per 34,7 miliardi di euro.

Glow ha sottolineato che gli afflussi negli ETF in questo ambiente di mercato ripetono una tendenza che è stata osservata durante precedenti periodi di mercato difficili, come la crisi finanziaria nel 2008 o la crisi del debito sovrano in euro nel 2011. In entrambi i casi, gli ETF hanno visto afflussi mentre i fondi comuni hanno subito massicci deflussi.

Come investire sui titoli europei

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che sono interessati a fare trading sui titoli europei che è possibile investire in questi strumenti finanziari in modo rapido e senza commissioni mediante i servizi di trading CFD dei migliori broker sul mercato come FPMarkets.

L’apertura di un conto di trading è veloce e gratuito. E, per tutti gli investitori che non hanno alcuna praticità in questo ambito, ricordiamo la possibilità di aprire un conto demo che ti permetterà di investire senza rischi, utilizzando un plafond di denaro virtuale che l’operatore ti metterà a disposizione per tutto il tempo che vorrai.

>>> Clicca qui per aprire un conto demo con FPMarkets (sito ufficiale)

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.