Criptovalute e miner: tassazione in Russia e crollo valore Ripple - Ethereum, fatti di oggi

Criptovalute e miner: tassazione in Russia e crollo valore Ripple - Ethereum, fatti di oggi

La Russia punta a tassare le criptovalute e i miner usando la normativa già vigente: lo prevede una proposta di legge

CONDIVIDI

Il forte ribasso che il valore di Ripple e quello di Ethereum oggi segnano, è tornato ad alimentare le paure degli investitori e dei trader. Il trend rialzista che sembrava imporsi su tutte le criptovalute nelle ultime giornate, ha ceduto il passo ad un cambio di rotta. Come emerge chiaramente andando a confrontare i dati e le variazioni monitorate su CoinMarketCap, non tutte le valute virtuali sono in ribasso. Se la quotazione di Ripple e quella di Ethereum è in ribasso, il prezzo del BTC oggi si mantiene quasi invariato. Basta questo elemento di difformità per essere scettici dinanzi alle indiscrezioni che circolano in queste ore sul fatto che il calo del valore di XRP e ETH possa essere imputato alla possibile introduzione in Russia di una tassazione "secondo normativa vigente" sulle criptovalute. 

Secondo alcuni rumors di stampa, alcuni deputati russi avrebbero preparato un disegno di legge che non prevede alcuna tassazione speciale per le criptovalute e i miner. Le monete virtuali, quindi, sarebbero tassate secondo la legge in vigore. 

Il disegno di legge, per ora in discussione, dovrebbe essere approvato entro la sessione di autunno della Duma. Il primo promotore della legge è Anatoly Aksakov, presidente del Comitato sui Mercati Finanziari della Duma, che ha affermato: "Forse ci sarà la volontà di determinare importi fiscali separati in futuro, ma al momento non affronteremo in alcun modo i problemi legati alla tassazione".

La possibile introduzione di una tassazione secondo normativa vigente allenta le paure, molto diffuse negli ultimi mesi, circa la possibile introduzione di tasse speciali più dure. Criptovalute e miner, quindi, sono salvi e appunto per questo motivo non si può pensare che ci sia la notizia della tassazione ordinaria dietro la perdita di valore di XRP e di ETH. Il fatto che poteva andare anche peggio, infatti, suggerisce che, se fosse stato per questo fattore, le criptovalute oggi avrebbero dovuto registrare un rialzo.

A prescindere comunque dalla correlazione tra criptovalute oggi e notizie sulla tassazione in Russia, va tenuto conto del fatto che da Mosca sulla questione monete virtuali non c'è mai stata chiarezza. Non è un mistero che in Russia le valute virtuali siano viste in maniera poco univoca e questo ha sempre creato le condizioni per la diffusione anche di atteggiamenti illegali. Ad ogni modo con l'introduzione della nuova legge sulla tassazione (quando essa arriverà) saranno ridotti i rischi di incappare im furti e truffe. Più sicurezza per gli investitori quindi. 

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro