Il prezzo di Ripple oggi lancia un segnale trading molto chiaro: la quotazione XRP potrebbe presto registrare un forte deprezzamento scivolando ai minimi dal 2018. A quasi un anno di distanza dal rally di Ripple (a dicembre di un anno fa si parlava apertamente di XRP come il nuovo Bitcoin), il sentiment su quella che secondo molti investitori sarebbe dovuta essere l’altcoin con più alto margine di crescita, è completamente cambiato. Un anno fa di questi tempi si parlava di miracolo Ripple mentre le previsioni su XRP oggi sono fortemente ribassiste. La “colpa” della piega che gli eventi hanno preso non è addebitabile a Ripple in modo diretto. Come dimostrato dai volumi di ricerca, infatti, la quotazione XRP è semplicemente stata trascinata dal crollo delle criptovalute. Giù quindi il Bitcoin e ovviamente giù tutte le altre!

Il problema è che il peggio potrebbe non essere ancora passato. Il prezzo di XRP oggi si muove in area 0,44 dollari con un calo dell’1,4 per cento rispetto a ieri. Tra le criptovalute a maggiore capitalizzazione (dati in tempo reale di CoinMarketCap), Ripple è la sola che segni una flessione. Dopo i recenti crolli, infatti, il prezzo del Bitcoin è tornato ad essere positivo come positiva è anche la variazione della terza crypto per capitalizzazione: Ethereum. Dietro a questa dissonanza si potrebbe nascondere il serio rischio di un possibile crollo di Ripple. A lasciar trapelare questa possibilità è la stessa analisi tecnica su XRP. Centrale per l’evoluzione di breve di Ripple è il mantenimento del supporto in area 0,40372 dollari. Il fatto però che oramai sia dalla fine di settembre che i prezzi di XRP si muovano in un’area di compressione triangolare, apre la porta alla possibilità che presto possa esserci l’attivazione di un trend ribassista. Poichè le quotazioni di Ripple non manifestano segni di superamento di certi livelli, il rischio che si possa aprire una tendenza al ribasso resta alto.

A sostenere questa ipotesi anche il fatto che XRP sia stata la crypto che ha manifestato i più forti segnali di resistenza dinanzi al recente sell-off delle valute virtuali. Considerando quelli che sono i corsi tradizionali elle criptovalute, è probabile che gli asset recentemente più penalizzati tornino ad avere appeal mentre quelli che più hanno retto possano subire le vendite. Ripple potrebbe esserne l’esempio. Cruciale, in tal senso, sarà l’andamento delle quotazioni XRP nelle prossime sedute. 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.