Skin ADV

Goldman Sachs pensa ad una criptovaluta: esempio JPM Coin fa scuola

Goldman Sachs pensa ad una criptovaluta: esempio JPM Coin fa scuola

Goldman Sachs ha intenzione di percorrere la stessa strada di JP Morgan: arriverà il Bitcoin di Goldman Sachs

Le banche sono sempre più interessate a lanciare criptovalute di proprietà. Dopo il caso di JP Morgan e del suo Bitcoin (il JPM Coin) era potrebbe essere Goldman Sachs a lanciare una propria cripto a conferma dell'estremo interesse delle grandi banche d'affari verso le monete virtuali. 

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Lo scorso venerdì il quotidiano francese Les Echos ha riportato le parole del CEO di Goldman Sachs, David Solomon, che ha anticipato che anche GS starebbe prendendo in considerazione la possibilità di seguire la stessa strada di JPM lanciando una propria criptovaluta. Il CEO dell'importante banca americana ha anche confermato che Goldman Sachs sta guardando con molta attenzione al fenomeno della tokenizzazione e alle stablecoin. Le parole di Salomon sulle criptovalute sono pesantissime. Secondo il manager "tokenizzazione e stablecoins sono la direzione che il sistema dei pagamenti prenderà nel prossimo futuro".

Il futuro sono le criptovalute ed è per non farsi trovare impreparata che Goldman Sachs sta pensando al lancio di una sua crypto. Ovviamemente, almeno per ora, si tratta di parole che però sono molto significative.

Secondo il numero uno di Goldman Sachs la crittografia come tecnologia per riuscire ad ottenere un miglioramento della privacy finanziaria degli utenti implicherà un cambio di paradigma oramai alle porte oltre a dimostrare come i governi di tutto il mondo, al di là di quelle che possono essere considerate come dichiarazioni di semplice facciata per salvare le apparenze, stiano continuando a guardare con grande attenzione a questa rivoluzione in atto cercando di capire come tutto questo possa andare ad incidere sui sistemi di pagamento. Insomma nel settore c'è grande fermento e anche coloro i quali per anni sono stati critici avversari delle criptovalute, ultimamente stanno rivedendo le loro posizioni accettando il fatto che blockchain e criptovalute ormai esistono, a prescindere da quelli che possono essere i loro personali giudizi di valore. Insomma di tratta di prendere atto non di qualcosa che deve avvenire ma di una trasformazione che è i in pieno svolgimento. 

La storia dell'umanità è piena zeppa di invenzioni che sono state usate sia a scopi benevoli che con finalità malvagie. Si pensi ad esempio alla polvere da sparo (nata per i fuochi di artificio e poi usata per le armi) o alla stessa energia nucleare. Ebbene per le criptovalute e la blockchain vale lo stesso discorso poichè con esse si può sia costruire una distopia fondata sul controllo di massa delle persone, con conseguente distruzione di ogni forma di privacy, che una fantastia utopia che porterebbe alla distruzione di tutte le strutture gerarchizzate in ambito monetario. Grazie alla tecnologia, la decentralizzazione, è pronta a rimettere l'uomo al centro. 

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro