Investire in criptovalute: è tornato il sentiment rialzista, occhi a questi 4 rischi

La situazione generale delle criptovalute è decisamente migliorata rispetto ad una decina di giorni fa. Il ritorno della spinta rialzista sugli asset a più alta market cap (Bitcoin e Ether) certifica il rilancio del sentiment positivo su tutto il settore. Il recupero di BTC e ETH potrebbe essere il segnale dell’imminente arrivo di un nuovo rally che potrebbe portare molti token (tra quelli a più alta capitalizzazione) su livelli alti. 

I trader hanno percepito questo cambio di rotta e infatti sono tornati a posizionarsi al rialzo su Bitcoin & C. Insomma c’è un certo clima di fiducia (a differenza di alcune settimane fa). Considerando quanto successo nell’ultimo periodo, quello in corso potrebbe davvero essere il momento giusto per investire in criptovalute. Chi da tempo pensava di fare trading sugli asset digitali potrebbe approfittare del cambio di sentiment per aprire le sue prime posizioni.

Certo, prima di operare con soldi veri, è consigliabile fare pratica con un conto simulato ma questo non è un problema visto che broker come eToro (leggi qui la nostra recensione) mettono a disposizione ben 100 mila euro virtuali proprio per imparare ad operare senza rischi. 

Impara a fare trading sulle criptovalute con eToro>>>clicca qui per aprire la demo, è gratis

eToro Crypto

In un momento in cui sembra essere tornata l’euforia che mancaca da tempo, invitiamo però tutti (trader principianti ma anche crypto-investitori esperti) ad operare con cautela. E’ vero che è il momento giusto per investire in criptovalute ma ci sono ben 4 rischi che, prima o poi, potrebbero rilevarsi determinanti. In questo post rivolgeremo la nostra attenzione proprio a questi 4 fattori di criticità.

Tassazione criptovalute

Da tempo ci sono tutta una serie di segnali che indicano come imminente una stretta fiscale sulle criptovalute. Le autorità fiscali di tutto il mondo ma soprattutto l’americana  U.S. Internal Revenue Service potrebbero presto varare una vera e propria stretta fiscale su Bitcoin & C. Insomma i tempi del fisco che non sa potrebbero presto cessare. La domanda che ogni trader dovrebbe porsi è la seguente: come reagirebbe il mercato all’arrivo di tasse forti sulle criptovalute?

Regolamentazione criptovalute

Strettamente connessa alla questione fiscale, c’è quella della regolamentazione. Anche qui siamo dinanzi ad un tema di cui si parla da tempo. Autorità come la SEC ma anche la CTFC e tanti altri legislatori hanno già varato regole che stringono sul settore crypto. La previsione è per un aumento della regolamentazione in Usa. Anche in Europa ci potrebbe essere una stretta. Le autorità affermano che i controlli sono necessari per proteggere l’interesse pubblico. Per gli estimatori degli asset digitali, invece, le regole puntano al controllo della massa monetaria. 

Inoltre va tenuto conto che anche molte banche ed istituti finanziari vedono le criptovalute come una minaccia. Insomma tutti convergono sul fatto che nel 2022 la regolamentazione delle criptovalute saròà più stringente. 

Il tema è da tempo sfruttato per fare trading sulle maggiori crypto. A tal riguardo ricordiamo l’importanza di usare strumenti avanzati per operare. Ad esempio il Copy Trading eToro consente di copiare le strategie dei traders più bravi. Questa funzionalità può essere testata anche da chi è alle prime armi essendo disponibile la versione demo. 

Copia i traders più bravi sulle criptovalute con il Copy trading eToro>>>clicca qui per la demo gratis

CopyTrader

Divieti dei governi

Anche la possibile introduzioni di divieti da parte dei governi è un rischio per il settore delle criptovalute. Eventuali blocchi al trading possono avere un certo impatto. Va comunque tenuto conto che nessun governo potrà mai bloccare il settore. 

Attenzione alla turbolenza 

Ultimo fattore di rischio per le criptovalute è l’eccessiva volatilità che potrebbe trasformarsi in vera e propria turbolenza. Fondamentale sarà l’individuazione di botton temporanei. Il rischio di restare travoalti da un’eccessiva turbolenza può essere contrastato in un solo modo: evitando di investire oltre quelle che sono le proprie possibilità. Chi decide di investire al rialzo in criptovalute deve capire che è sempre necessario calibrare il rapporto tra rischio e ricompense. 

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Crypto News: previsioni e ultime dal mondo delle criptovalute

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.