Tether stablecoin, 1,6 miliardi di dollari le riserve in eccesso a garanzia di USDT

La notizia che Tether (USDT) stia generando un profitto di 700 milioni di dollari nel trimestre di marzo e che le sue riserve totali in eccesso abbiano raggiunto 1,6 miliardi di dollari è senza dubbio importante per la società crypto. Tether è conosciuta principalmente per la sua stablecoin USDT, che è ancorata al dollaro USA. Ciò significa che per ogni USDT emesso, Tether dovrebbe avere un dollaro USA in riserva.

Tether USDT e la questione trasparenza

Tuttavia, negli anni, gli emittenti di stablecoin sono stati criticati per non essere sufficientemente trasparenti con il tipo di asset che detengono nella loro riserva per sostenere la loro valuta digitale. Questa mancanza di trasparenza ha creato preoccupazioni tra gli investitori e gli esperti del settore riguardo alla stabilità e all’affidabilità delle stablecoin.

Tether ha affrontato questi dubbi e le critiche concentrandosi sulla trasparenza e sulla sicurezza delle sue riserve. La società ha venduto tutte le sue partecipazioni commerciali e si è spostata sui Treasury statunitensi, che sono considerati un asset più stabile e affidabile. Tether produce anche le cosiddette attestazioni, che sono relazioni prodotte da un revisore per attestare le riserve della società e il patrimonio da essa detenuto.

La società ha pubblicato l’ultimo rapporto rilasciato relativo al trimestre di dicembre, che ha mostrato che aveva più attività che passività. Le attività totali della società una volta sottratte le passività ammontano a 960,6 milioni di dollari. Tuttavia, la notizia che Tether stia generando un profitto di 700 milioni di dollari nel trimestre di marzo è senza dubbio un’ottima notizia sia per la società che per gli investitori.

Il chief technology officer di Tether, Paolo Ardoino, ha affermato che l’USDT sta diventando l’asset più sicuro da detenere al mondo durante la crisi bancaria. Ciò è dovuto al fatto che l’USDT è ancorato al dollaro USA, che è considerato una valuta stabile e affidabile. Inoltre, Tether ha dimostrato di avere riserve in eccesso per sostenere la sua stablecoin, il che la rende ancora più sicura per gli investitori.

Tether verso 1,6 miliardi di dollari a garanzia della stabilità di USDT

USDT Tether 1

Ci sono alcune preoccupazioni tra gli esperti del settore riguardo alla stabilità delle stablecoin, in particolare quando si tratta di una crisi finanziaria. Tuttavia, Tether sembra aver adottato un approccio proattivo per affrontare queste preoccupazioni e garantire la sicurezza e la stabilità della sua stablecoin.

Inoltre, la notizia che Tether stia generando un profitto così elevato nel trimestre di marzo dimostra la solidità e la forza della società. Tether è diventata una delle stablecoin più utilizzate al mondo, con un volume giornaliero di trading di miliardi di dollari.

Paolo Ardoino, il chief technology officer di Tether, ha recentemente dichiarato che la società prevede di aumentare le riserve in eccesso di 700 milioni di dollari nel trimestre in corso, portando il totale a 1,66 miliardi di dollari. Questo sarebbe un risultato storico per la società, che mai prima d’ora ha superato la soglia del miliardo di dollari.

In merito alla decisione di trattenere tali risorse all’interno dell’azienda, Ardoino ha affermato: “Quindi questo denaro rimane in Tether, nella compagnia principale, per capitalizzare ulteriormente la stablecoin”.

Tether guadagna principalmente da commissioni di prelievo e da investimenti in token digitali e metalli preziosi, oltre che dalla concessione di prestiti ad altre istituzioni. Nel quarto trimestre del 2022, la società ha generato profitti per 700 milioni di dollari, come ha confermato lo stesso Ardoino, che ha inoltre aggiunto che Tether possiede ulteriori somme oltre ai 950 milioni di dollari già dichiarati.

Il dirigente di Tether ha inoltre sottolineato come USDT, la stablecoin emessa dalla società, stia diventando l’asset più sicuro da detenere al mondo, proprio perché Tether non adotta il modello della riserva frazionaria utilizzato dalle banche tradizionali.

Ardoino ha poi fatto riferimento alla crisi in atto nel sistema bancario statunitense, citando come esempio la Silicon Valley Bank (SVB), che sta avendo problemi proprio a causa del modello della riserva frazionaria. In proposito ha espresso il suo parere affermando: “Amo Bitcoin e questa è la nostra copertura, ed è per questo che siamo in Bitcoin, perché non ci fidiamo di quei ragazzi che hanno preso così tanto rischio sui depositi dei clienti”.

Le scelte di Tether e Circle dopo il crollo della Silicon Valley Bank

Recentemente, il mercato delle stablecoin è stato caratterizzato da alcuni eventi di rilievo. In particolare, il taglio del supporto alla carta commerciale da parte di Tether e l’esposizione di Circle al crollo di SVB hanno messo in discussione la stabilità delle due criptovalute.

Tuttavia, nonostante questi ostacoli, Tether è riuscita ad aumentare la sua capitalizzazione di mercato di circa $8 miliardi dal 28 febbraio, diventando sempre più dominante sul mercato. D’altro canto, Circle ha dovuto affrontare alcune difficoltà a causa della sua esposizione al crollo di SVB, ma è stata in grado di recuperare grazie all’intervento del governo degli Stati Uniti.

Nonostante questi eventi, il CTO di Tether ha difeso il record dell’azienda, sottolineando il suo utile stimato per il trimestre in corso e la sua sicurezza rispetto alle tradizionali istituzioni di credito. Tuttavia, è importante notare che il mercato delle criptovalute è in continua evoluzione e che gli investitori dovrebbero essere sempre cauti nella scelta delle proprie criptovalute.

Tether sta facendo soldi e le banche stanno fallendo. Quindi, se devi mettere i soldi da qualche parte, immagino che Tether sia la più sicura tra tutte le scelte” ha quindi concluso Paolo Ardoino.

Puoi acquistare la stablecoin USDT su exchange sicuri e autorizzati come Binance, clicca qui per visitare il sito ufficiale e scoprire come fare.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo