un orologio con il logo di Ripple al polso di un uomo, e un punto interrogativo in sovrimpressione
Arriva XRP20, quale sarà il futuro di Ripple? - Borsainside.com

Nel panorama delle criptovalute, spesso caratterizzato da un mercato piuttosto incerto e poco emozionante per gli investitori, una notizia di rilievo sta facendo scalpore: la recente interpretazione fornita dal giudice Jed S. Rakoff della Corte distrettuale degli Stati Uniti nel caso contro Terraform Labs.

La decisione di Rakoff: la vendita non determina la destinazione d’uso di una crypto

A differenza della posizione espressa dal giudice Torres nel caso Ripple, Rakoff ha stabilito che il metodo di vendita di un token tramite mercato primario (come avviene attraverso le Initial Coin Offering o ICO) o secondario (tramite gli exchange) non può essere l’unico parametro per stabilire la destinazione d’uso di una criptovaluta.

Questa decisione, come ampiamente previsto, ha scagionato gli exchange coinvolgendo la ripresa della quotazione di XRP, ma non ha completamente risolto la questione giuridica riguardante Ripple e la sua criptovaluta.

La situazione attuale di Ripple è quindi ancora in sospeso, senza una chiara condanna o assoluzione. Nonostante la sentenza di Rakoff riguardi un caso separato, essa non fornisce una chiara interpretazione sulle implicazioni legali di Ripple e del suo token XRP. Di conseguenza, gli investitori e gli appassionati del settore stanno ancora attendendo ulteriori sviluppi.

L’incertezza e l’andamento di XRP

Non solo esperti legali, ma anche coloro che sono meno avvezzi alle complessità giuridiche, hanno potuto notare che le motivazioni espresse dal giudice Torres erano alquanto incerte. La fase di vendita di un token non può essere l’unica discriminante per paragonare una criptovaluta a un titolo azionario.

L’assenza di una posizione definitiva da parte di Rakoff rende difficile formulare previsioni precise riguardo a Ripple e al suo token XRP. Dopo l’iniziale crescita del 100% seguita alla notizia della parziale vittoria con la SEC, XRP è rimasto stabile, subendo solo lievi fluttuazioni.

Gli investitori che hanno puntato su Ripple nell’ultimo periodo si trovano ora in una fase di attesa per ulteriori sviluppi. Coloro che avevano intenzione di vendere probabilmente lo hanno già fatto, mentre chi ha mantenuto le proprie posizioni è in attesa di aggiornamenti futuri.

XRP20: un nuovo progetto da tenere d’occhio

Nel frattempo, il mercato si sta preparando all’arrivo di un nuovo progetto chiamato XRP20, il quale potrebbe beneficiare dell’interesse continuo verso Ripple. XRP20 è stato presentato in prevendita nei giorni scorsi e propone una rifinitura dei punti di forza di Ripple, spostandoli sulla rete Ethereum e aggiungendo alcune nuove caratteristiche.

Tra le novità di XRP20 spicca la possibilità di svolgere il cosiddetto “staking”, ovvero il blocco di una quantità di token per supportare il funzionamento della rete, opzione non prevista nell’originale Ripple. Inoltre, il progetto introduce un meccanismo di “burning” più aggressivo per controllare l’inflazione del token.

XRP20: un futuro promettente?

Coloro che sono interessati a esplorare questo nuovo progetto possono farlo visitando il sito ufficiale di XRP20, dove sono disponibili tutte le informazioni necessarie per acquistare il token in prevendita.

XRP20 ha un obiettivo di raccolta fondi di appena 1,85 milioni di dollari. Superato questo traguardo, il token sarà quotato su exchange decentralizzati (DEX) e successivamente su exchange centralizzati (CEX). In allegato a questo articolo è disponibile un video in italiano che offre una sintesi esaustiva delle caratteristiche principali di XRP20.

In definitiva, il mondo delle criptovalute è sempre in movimento, con interpretazioni giudiziarie che possono avere un impatto significativo sulla stabilità e l’evoluzione dei progetti nel settore.

La vicenda legale di Ripple e l’avvento di nuovi progetti come XRP20 dimostrano quanto sia importante monitorare attentamente gli sviluppi del settore per prendere decisioni informate e strategiche nell’ambito degli investimenti cripto.

eToro conto demo: usa questo link per aprire gratis un conto demo ed avere la possibilità di provare gli strumenti di trading di eToro senza rischiare i tuoi soldi. Potrai familiarizzare con il social trading e scoprire la funzione del copy trading.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.