Dividendi azionari: cosa sono, a cosa servono e come trovare azioni con buoni dividendi

FINANZAINSIDE - PICCOLA ENCICLOPEDIA DELLA FINANZA

dividendi
CONDIVIDI

I dividendi azionari sono un caposaldo del portafoglio di tutti gli investitori che cercano dei flussi di reddito ricorrente ma… guai a liquidarli come investimenti da cassettisti! I dividendi azionari hanno infatti un ruolo da svolgere in qualsiasi portafoglio, indipendentemente dall'età dell'investitore o dalle circostanze finanziarie.

Quando ad esempio i dividendi pagate dalle società per azioni non vengono liquidati, ma reinvestiti, si trasformano in nuove azioni, e più azioni si possiede, e più grandi saranno i futuri dividendi. Insomma, una sorta di effetto “valanga” che gli investitori conoscono fin troppo bene, considerato che il reinvestimento dei dividendi ha rappresentato il 42% del rendimento medio annuo totale dell'indice Standard & Poor's 500 dal 1930 ad oggi, stando a una recente ricerca del Santa Barbara Asset Management.

Allo stesso tempo, non tutto è oro quel che luccica, considerando che vi è enorme spazio di errore per gli investitori azionari di dividendi, dalla scelta di società con dividendi inaffidabili alla concentrazione delle proprie aspettative di rendimento sul solo dividendo e non sul capital gain.

Proprio per questo motivo abbiamo voluto compiere un approfondimento sui dividendi azionari, sperando possa servirvi per un miglior investimento!

Cos'è un dividendo?

Un dividendo è una quota degli utili di una società, distribuiti agli azionisti. Di solito corrisposta semestralmente o annualmente (più raramente trimestralmente, soprattutto in Italia), è una sorta di bonus per gli investitori.

I dividendi sono un modo per gli azionisti di partecipare e di condividere la crescita del business sottostante, al di là dell'apprezzamento del prezzo delle azioni. Questa condivisione della ricchezza può peraltro avvenire in due modi: dividendi “in contanti” o dividendi “in azioni”.

In Italia, per esempio, la maggior parte dei dividendi sono dividendi in contanti, ovvero pagamenti in contanti effettuati sulla base delle azioni detenute dagli investitori. Ad esempio, se una società paga un dividendo di 20 centesimi per azione, un investitore con 100 azioni riceverebbe 20 euro in contanti. I dividendi azionari rappresentano invece un aumento percentuale del numero di azioni possedute. Se un investitore possiede 100 azioni e la società emette un dividendo azionario del 10%, quell'investitore avrà 110 azioni dopo l’erogazione del dividendo.

I dividendi sono garantiti?

No, i dividendi non sono affatto garantiti. Sono “a discrezione del consiglio di amministrazione”, che effettuerà delle proposte all’assemblea degli azionisti. A differenza di un'obbligazione, che deve pagare una somma di denaro contrattualmente stabilita o finire in default, il consiglio di amministrazione può decidere di ridurre il dividendo o addirittura eliminarlo in qualsiasi momento.

Perché le persone investono in azioni sulla base del dividendo?

Anche se i dividendi non sono garantiti, molti investitori si affidano a loro come a una vera e propria fonte di reddito. Poiché le aziende pagano i loro dividendi in momenti diversi, coloro i quali sono interessati a perseguire una simile strategia possono crearsi un vero e proprio calendario utile per poter ricevere un dividendo ogni periodo dell'anno.

Nel frattempo, gli investitori più giovani - che potrebbero non aver bisogno delle entrate ora - possono mettere quei dividendi al lavoro reinvestendoli sul proprio portafoglio. I piani di reinvestimento dei dividendi automatizzano questo processo, ma anche se reinvesti i tuoi dividendi, sono comunque tassati l'anno in cui li ricevi.

Non solo. Le azioni con dividendi spesso beneficiano anche di rendimenti più elevati rispetto alle obbligazioni quando i tassi di interesse sono bassi, offrendo allo stesso tempo il potenziale di apprezzamento del prezzo delle azioni. Anche se il prezzo diminuisce, il dividendo può ammortizzare un portafoglio con un reddito costante e, se reinvesti quei dividendi, un prezzo azionario più basso ti farà guadagnare più azioni!

Insomma, abbiamo capito che gli investitori possono beneficiare dei pagamenti dei dividendi ma… cosa c’è dietro?

Perché le aziende pagano dividendi?

Considerato che i dividendi sono in genere un segno di salute finanziaria, un'azienda può offrirli per attirare investitori e aumentare il prezzo delle azioni.

Generalmente, le società pagano i dividendi quando vengono maturati utili, ovvero quando residuano dei soldi dopo aver coperto le spese operative e il reinvestimento nel proprio business. Ecco perché le società mature, che richiedono meno reinvestimenti di capitale, hanno maggiori probabilità di pagare un dividendo.

Perché le aziende non pagano dividendi?

D'altro canto, un'azienda giovane in rapida crescita deve spesso reinvestire tutto il suo capitale per alimentare la crescita e non può permettersi di pagare un dividendo. Alcuni investitori preferiscono questo approccio anche perché i dividendi sono tassati. Se una società che non distribuisce dividendi reinveste il proprio capitale e cresce, gli investitori beneficiano dell'aumento del prezzo delle azioni, con un guadagno che non viene tassato fino alla vendita del titolo, con relativa plusvalenza.

Una società matura può anche rimandare il pagamento di un dividendo a favore del reinvestimento o per coprire i costi. Questo può essere un cattivo auspicio per gli investitori, in particolare se la compagnia è in difficoltà finanziaria.

Come trovare le migliori azioni in termini di dividendi?

Un punto di partenza comune per la scelta di questi investimenti è il rendimento dei dividendi o il dividendo annuale per azione diviso per il prezzo delle azioni. Il rendimento misura il reddito percepito dagli investitori per ogni dollaro investito nelle azioni. Ad esempio, un trading azionario a 100 euro per azione e il pagamento di un dividendo di 3 euro avrebbero un rendimento del dividendo del 3%, con un guadagno di 3 centesimi per ogni euro investito al prezzo di 100 euro.

Gli investitori pensano spesso al dividendo come separato dagli alti e bassi del mercato azionario, ma in realtà sono più collegati di quanto si pensi. Il rendimento dei dividendi e il prezzo delle azioni si muovono infatti in direzioni opposte: se il prezzo delle azioni scende - come spesso accade quando un'azienda è in difficoltà finanziaria - il rendimento da dividendi aumenterà.

Meglio dunque vederci chiaro dietro l’aumento del dividendo. Se ad una società non sta finanziando il suo dividendo attraverso il flusso di cassa e le operazioni, sta probabilmente esaurendo risorse o prendendo a prestito denaro per pagarlo, e normalmente questo non è un approccio sostenibile: il dividendo potrebbe pertanto essere di breve durata.

Ricordate che i dividendi di una società sana devono essere pagati dal flusso di cassa disponibile della società, calcolato come il flusso di cassa operativo al netto delle spese in conto capitale. Le aziende con una comprovata capacità di generare free cash e restituire il denaro agli azionisti nel corso del tempo saranno in una posizione migliore per offrire un rendimento totale superiore, ma… niente è immutabile!

Redazione Borsainside
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro