L’Italia e il Fintech? Un rapporto non sempre equilibrato, con un desiderio di spingere su questo comparto, ma l’evidenza che – strutturalmente e non solo – vi sia un cronico ritardo. Sul fronte del finanziamento del fintech, ad esempio, emerge come l’Italia realizzi un quinto del valore delle transazioni di settore che si registrano nel Regno Unito, o un terzo di quelle in Germania, e ancora metà di quelle della Francia.

Stando a quanto afferma l’Osservatorio Fintech Italia 2019, di PwC e NetConsulting, ci sono però anche alcune buone notizie. Per esempio, emerge che le aziende fintech sono in crescita del 27% rispetto al 2017 (299 aziende) e che il loro fatturato nel 2017 è aumentato del 30% a 266 milioni di euro.

Permane un’evidente concentrazione delle attività. In Lombardia è presente quasi metà di tutte le fintech italiane (47%), soprattutto nell’area milanese (40%), tanto che la seconda regione per importanza è il Lazio, ma con solo il 9% della rappresentanza nazionale.

Stando ai dati raccolti da BeBeez Private Data, nel 2018 circa 213 milioni di euro siano stati raccolti in round di investimento da parte delle startup fintech italiane (o fondate da italiani). Di questa somma, però, 100 milioni di euro sono stati raccolti dalla sola Prima Assicurazioni (che da sola ha raccolto 100 milioni di euro, si veda altro articolo di BeBeez), mentre altri round di rilievo sono quelli compiuti da Moneyfarm, Satispay, Tinaba, Casavo, Soldo e Credimi. Raccolte complessive più piccole, ma comunque superiori ai 3 milioni di euro, sono quelle di TrueLayer, Smartika, Oval Money, Jusp, Conio, Business Innovation Lab (BordsadelCredito), WorkInvoice, Soisy, Sardex ePrestiamoci.

Si rammenta infine come nel corso del 2018 si siano registrati anche 31 abbandoni, ma di questi 4 sono disinvestimenti, perché le società sono state acquisite da qualche altro soggetto.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.