Skin ADV

Dichiarazione Successione Obbligatoria: come presentare la dichiarazione? Modello e Software

dichiarazione di successione agenzia delle entrate
dichiarazione di successione agenzia delle entrate

Successione Online Obbligatoria dal 2019! Tutte le info. e le istruzioni su come presentare la dichiarazione utilizzando il modulo pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Dal 1° gennaio 2019 tutti i soggetti che devono presentare la dichiarazione di successione devono presentarla esclusivamente online. Questo deve avvenire entro e non oltre i 12 mesi dalla morte del de cuius.

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Sulla base delle nuove norme imposte è possibile comprendere che non sarà più possibile presentare la successione tramite modulo cartaceo che invece poteva essere adottato fino al 2018 e che veniva poi consegnato all’agenzia delle entrate.

La modalità telematica per l’invio della dichiarazione di successione è diventata obbligatoria dal 1° gennaio 2019.

Il vantaggio?

Quello di velocizzare le procedure di registrazione.

Grazie al software dell’Agenzia delle Entrate è possibile calcolare le imposte ipotecarie, catastali e tributi speciali. Tieni presente che queste imposte possono essere presentate direttamente online tramite addebito su conto corrente.

Per effettuare la dichiarazione di successione online si deve scaricare il software SUC direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate. Fatto questo basta seguire alcuni semplici passaggi come vedremo in seguito.

Dichiarazione di successione 2019: chi deve presentarla?

Ancora prima di vedere le istruzioni su come fare la dichiarazione di successione, sarebbe ben precisare alcuni importanti punti. Uno tra tanti riguarda i soggetti obbligati alla presentazione.

Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione di successione online, tutti i seguenti soggetti:

  • Chiamati all’eredità

Definiti tali coloro che al momento dell’apertura della successione non hanno ancora accettato l’eredità.

  • Eredi

Definiti tali i soggetti che hanno accettato espressamente e/o tacitamente l’eredità.

  • Legatari

Sono tali coloro ai quali il de cuius ha riservato tramite apposito Testamento una parte di beni, o di diritti.

  • Rappresentanti legali degli eredi o dei legatari
  • Immessi nel possesso temporaneo dei beni dell’assente

Rientrano in questa categoria tutti i soggetti che a seguito di un periodo di assenza senza averne dato notizie chiedono al Tribunale di dichiarare l’assenza del soggetto interessato.

Se questo si viene a verificare, eredi o legatari acquisiscono di diritto la proprietà sul bene che gli sarebbe spettato in caso di morte del soggetto scomparso. Questo è valido fino all’eventuale ricomparsa.

  • Amministratori dell’eredità
  • Curatori dell’eredità giacente
  • Esecutori testamentari

Sono tali i soggetti che il de cuius ha delegato all’esecuzione delle proprie volontà testamentarie.

Invio telematico dichiarazione di successione: Obbligatoria dal 1° gennaio 2019 

L’obbligo della dichiarazione di successione online risale al 23 gennaio 2017. Da questa data è partito il servizio online dell’Agenzia delle Entrate utilizzabile per l’invio della dichiarazione di successione.

Fino al 31 dicembre 2018 è stato però possibile scegliere uno o l’altro binario. In pratica era possibile optare per il modello online o anche per il modello cartaceo rivolgendosi all’ufficio dell’Agenzia delle entrate competente per territorio.

E’ solo dal 1° gennaio 2019 che prende il via la dichiarazione di successione online obbligatoria.

Dichiarazione di successione cartascea: quando?

Nota bene: il modulo cartaceo deve essere utilizzato solo e soltanto nei seguenti casi:

  • Successioni aperte prima del 3 ottobre 2006;
  • dichiarazioni integrative;
  • dichiarazioni sostitutive;
  • dichiarazioni modificative.

Tranne alcuni casi particolari, tutti gli eredi e i legatari sono obbligati a presentare tale dichiarazione entro e non oltre i 12 mesi successivi dalla data di apertura della successione.

Se dalla dichiarazione di successione risultano degli immobili, i soggetti interessati sono obbligati ad effettuare l’autoliquidazione delle imposte ipotecarie e catastali ai fini della richiesta di voltura catastale prima di presentare la dichiarazione di successione.

Software “SuccessioniOnLine” Agenzia delle Entrate: guida - installazione - utilizzo 

Al fine di adempiere alla dichiarazione di successione online, abbiamo detto che si deve scaricare un apposito programma dal sito dell’agenza delle entrate. Questo file prende il nome di “Dichiarazione di successione” (SUC) che dal 23 gennaio 2017 è disponibile online e che potete scaricare gratuitamente.

Ricordiamo invece che dal 1° gennaio 2019 è l’unico strumento consentito per inviare la dichiarazione di successione.

Tramite il software, tutti gli utenti possono creare, o controllare, il file telematico per la dichiarazione di successione.

Il software SUC è disponibile cliccando qui (selezionate la voce “Dichiarazione di Successione” nel paragrafo “Software”).

A questo punto non resta che l’applicazione.

Scaricato tale programma, potrebbe succedere che la stessa Agenzia delle Entrate emani un alert tramite apposita finestra di dialogo all’interno del quale vi è un Avviso di protezione contenente informazioni sul fornitore del software.

Non dovete fare altro che indicare il fornitore del software come “affidabile” e cliccare sull’opzione esegui al fine di portare a termine la procedura di istallazione.

Infine, prima di compilare la dichiarazione di successione, l’utente incaricato deve provvedere ad indicare il proprio “profilo”, selezionando l’opzione idonea presente all’interno dell’area impostazioni (sulla parte superiore della barra degli strumenti).

Dichuiarazione di successione: funzioni del programma

Finita questa prima fase di istallazione, siete potenzialmente pronti ad utilizzare le varie funzioni del software.

Come anticipato in precedenza, questo vi permette di produrre un file che potete poi inoltrare telematicamente. All’interno del file è presente:

  • la dichiarazione di successione;
  • i documenti allegati, salvati in formato PDF o TIFF.

La dichiarazione di successione presentata potrà essere visionata all’interno del cassetto fiscale del dichiarante come anche in quello dei coeredi e dei chiamati.

Tramite lo stesso software è possibile procedere non solo al compimento della dichiarazione di successione online, ma anche volture catastali degli immobili.

Per comprendere meglio quanto detto fino a questo momento e per comprendere bene come fare per utilizzare il sistema, abbiamo riportato un video con all’interno tutte le indicazioni su come fare la dichiarazione di successione online.

Il video è stato realizzato dall’Agenzia delle entrate e lo potete trovare anche sul sito della stessa Agenzia.

Come fare la dichiarazione di successione 2019?

Al fine di presentare la dichiarazione di successione online, basta seguire dei passi semplice e veloci. Ovviamente potrebbe essere un po’ più complicato per coloro che no hanno dimestichezza con il sistema, ma vi possiamo assicurare che è solo questione di pratica.

Utilizzare il software è molto semplice; quello che dovete fare è utilizzare l’applicazione disponibile sul sito dell’Agenzie delle Entrate e installarlo sul PC al fine di procedere alla compilazione della domanda stessa.

Il nuovo modello si compone di due diversi fascicoli:

  • Il primo deve essere compilato obbligatoriamente;
  • Il secondo deve essere compilato solo nel caso in cui vi siano presenti particolari beni mobili e immobili.

All’interno della compilazione del primo fascicolo si devono indicare i seguenti dati:

  • dati identificativi del defunto;
  • dati identificativi dei beneficiari dell’eredità;
  • dati relativi ai beni immobili (ove presenti);
  • documenti che comprovano le passività;
  • dichiarazioni sostitutive previste dalla legge.

All’interno del secondo fascicolo invece si devono indicare le categorie di beni non compresi nel primo. Sono tali ad esempio:

  • beni immobili iscritti al catasto tavolare;
  • aeromobili;
  • imbarcazioni;
  • donazioni che il defunto ha effettuato in vita.

A seguito di avvenuta compilazione della domanda, si devono allegare i documenti richiesti.

Solo successivamente potete cliccare su salva la dichiarazione e quindi inviarla attraverso i servizi telematici messi in atto dall’Agenzia.

Come detto in precedenza il software permette anche di pagare le somme dovute e calcolate in autoliquidazione.

I pagamenti avvengono tramite addebito diretto su conto aperto presso un intermediario della riscossione e intestato al dichiarante o anche al soggetto incaricato della trasmissione telematica. Ecco il motivo per il quale al momento della presentazione della dichiarazione si deve indicare il codice IBAN del conto e il codice fiscale dell’intestatario.

Dichiarazione succesione: vantaggi dichiarazione online 

Grazie al nuovo software dell’Agenzia delle Entrate è possibile velocizzare l’invio della dichiarazione di successione grazie alla possibilità di procedere anche alla voltura catastale e al pagamento delle tasse si possono effettuare in modo automatico.

Non dimenticate poi che il nuovo formato elettronico permette di visualizzare (funzione esclusiva per gli uffici territoriali dell’Agenzia) la dichiarazione direttamente all’interno del cassetto fiscale del dichiarante che in quello dei coeredi e dei chiamati.

Per tutti i contribuenti questo potrebbe essere visto come un grande vantaggio dal momento che possono richiedere le copie conformi della dichiarazione di successione presso tutti gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

>>CLICCA QUI EPR SCARICARE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE EDITABILE

>>CLICCA QUI PER SCARICARE LE ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE PARTE PRIMA

>>CLICCA QUI PER SCARICARE LE ISTRUZIONI DI COMPILAZIONE PARTE SECONDA

iQOption
Tommaso Piccinni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro