Skin ADV

Fondo est: cos’è? come funziona? Come iscriversi? Guida completa

fondo est
fondo est

Il Fondo, costituito nel 2005, nasce in attuazione di un accordo recepito dal (C.C.N.L.) del Terziario e del Turismo parte speciale “Pubblici esercizi” e parte speciale “Imprese di viaggi” e, successivamente, dal CCNL delle Aziende Ortofrutticole e Agrumarie, delle Aziende Farmaceutiche Speciali, degli Impianti Sportivi, delle Autoscuole, e dal 1° luglio 2018 delle Agenzie Funebri.

In questa guida cercheremo di comprendere cos’è e come funziona il Fondo Est ovvero il fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa del Commercio, del Turismo, dei Servizi e dei settori affini. Lo faremo punto per punto, analizzando tutti i punti più importanti, al fine di comprenderne tutti i suoi aspetti.

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Prima di tutto si deve ricordare che il Fondo Est è l’ Ente di assistenza sanitaria integrativa del Commercio, del Turismo, dei Servizi e di tutti i settori affini.

Questo fondo nasce con il chiaro intento di aiutare i lavoratori di questo settore, il quale risulta essere stato messo in atto a seguito dell’accordo con le parti sociali del 2005 e recepito sia nel CCNL del Terziario sia anche in quello del Turismo, come anche dal CCNL delle Aziende Ortofrutticole e Agrumarie se non anche dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro delle Aziende Farmaceutiche Speciali.

Oggi la maggior parte delle categorie hanno sottoscritto i suddetti contratti; esse sono:

  • Confcommercio;
  • Fipe;
  • Fiavet;
  • Filcams-Cgil;
  • Fisascat-Cisl;
  • Uiltucs-Uil.

Come si nota sono contemplati in questo fondo sia i datori di lavoro, sia i lavoratori.

Il Fondo Est ha dunque natura giuridica di associazione che non è riconosciuta e non persegue fini di lucro. L’unico obbiettivo, l’unico scopo, che si pone il fondo è quello di garantire trattamenti di assistenza sanitaria integrativa al Servizio Sanitario Nazionale in favore dei lavoratori iscritti.

Premesso questo, non ci resta che procedere oltre ed analizzare tutti i punti più importanti del Fondo Est analizzando quello che c’è da sapere come ad esempio modalità di iscrizione, garanzie e tutele principali.

Fondo Est: soggetti beneficiari delle prestazioni e modalità di iscrizione

Sono considerati soggetti beneficiari dei trattamenti assistenziali garantiti dal Fondo Est tutti i soggetti che svolgono un’attività o che sono lavoratori subordinati dei predetti settori.

In questo caso, rientrano tutti i lavoratori che abbiamo un regolare contratto:

  • tempo indeterminato;
  • apprendisti;
  • lavoratori a tempo determinato per periodi superiori a 3 mesi.

Ricordiamo che questi devono essere assunto con regolare contratto, secondo quanto stabilito dal CCNL settore Terziario e del Turismo, delle Aziende Ortofrutticole e Agrumarie e delle Aziende Farmaceutiche Speciali.

Effettuare l’iscrizione è semplice e immediata; l’unico accorgimento è che la stessa azienda debba essere iscritta presso lo stesso Fondo Est.

Fondo Est: quali tutele per i dipendenti?

L’azienda deve iscriversi al fondo in modo che possano anche iscriversi i suoi dipendenti. Al momento le tutele principali a cui possono aderire i lavoratori sono quelle elencate all’interno del Fondo Est e che di seguito riportiamo:

  • Ricovero, per intervento chirurgico, all’interno di un istituto di cura sia pubblico, sia privato, a seguito di malattia o infortunio;
  • Spese pre e post ricovero fino ad un massimo di 120 giorni prima e dopo;
  • Visite specialistiche;
  • Ticket Pronto Soccorso e/o accertamenti diagnostici;
  • Terapie;
  • Prestazioni odontoiatriche particolari volte alla prevenzione;
  • Spese di estrazione denti;
  • Spese per implantologia;
  • Prestazioni relative alla maternità;
  • Prestazioni relative alla sindrome metabolica.

Aderire al Fondo Est è obbligatorio?

Notate bene che l’iscrizione al Fondo Est è obbligatoria per le aziende che fanno riferimento al seguente settore.

Negli anni passati per diverso tempo si è dibattuto in merito al fatto stesso che l’iscrizione al Fondo Est fosse obbligatoria o meno. In pratica, la parola fine è stata scritta nella sentenza del 2013 quando è stato sancito per le aziende l’obbligatorietà all’iscrizione al Fondo Est.

Fondo Est: quota d’iscrizione a carico delle aziende e versamento volontario dei lavoratori

Tutte le aziende che sono iscritte al Fondo Est devono versare una quota mensile di 10 euro (contributo erga omnes) per un totale di 120 euro all’anno.

Vi è anche la parte dove la normativa prevede l’iscrizione al Fondo Est per i lavoratori con versamento volontario per quest’ultimo.

Nel caso di sospensione dell’attività lavorativa come ad esempio cassa integrazione o aspettativa o anche a seguito di disoccupazione involontaria tale da essere oggetto a lungo termine e di essere titolare di trattamento di sostegno al reddito compresa mobilità o l’iscrizione alle liste di mobilità, allora il lavoratore può proseguire volontariamente la contribuzione individuale al Fondo.

Anche in questo caso, l’importo di 10 euro (o più) mensili potrà essere versato dal lavoratore. I canali utilizzati per il versamento, sia che si tratta di lavoratore, sia che si tratta di azienda sono gli stessi. Il lavoratore potrà invece proseguire con il versamento autonomo nel caso di interruzione momentanea dell’attività lavorativa e solo per il periodo di sospensione dal lavoro.

Potrà procedere anche al versamento volontario nel caso di disoccupazione involontaria e per tutto il periodo durante il quale si riceve il trattamento di sostegno al reddito, come anche in caso di iscrizione alle liste di mobilità, per 12 mesi.

Fondo est: quote associative

Per effettuare il versamento del Fondo Est si potrà optare tramite contributo ordinario con cadenza mensile o annuale e/o anche tramite quota una Tantum o quota d’iscrizione.

Tutti i contributi potranno essere versati con cadenza mensile posticipata o annuale anticipata. Per far questo deve essere però caricato il file xml (mensile o annuale).

Tutte le informazioni sulla procedura informatica e per la creazione dei file xml sarebbe bene consultare la guida inerente alla realizzazione del file xml dipendenti presente nella documentazione disponibile all’interno della sezione del sito.

Le quote del Fondo Est sono diversificate sulla base della tipologia di contratto applicato ai dipendenti sulla base del prospetto sotto riportato:

CCNL

Importo

TERZIARIO DISTRIBUZIONE E SERVIZI (Part time - Full time)

12 Euro di cui 2 euro a carico del dipendente

IMPIANTI SPORTIVI (Part time - Full time)

12 Euro di cui 2 euro a carico del dipendente

AUTOSCUOLE (Part time - Full time) dal 1° Gennaio 2018

12 Euro

ATTIVITA' FUNEBRE (Part time - Full time) dal 1° Luglio 2018

12 Euro di cui 2 euro a carico del dipendente

PUBBLICI ESERCIZI E RISTORAZIONE COLLETTIVA (Part time - Full time) - Dal 1° Febbraio 2018 al 31 Dicembre 2018

11 Euro

12 euro dal 1° Gennaio 2019

TURISMO - Imprese di viaggi e turismo, Tour operator (Part time - Full time)

10 euro

FARMACIE SPECIALI (Part time - Full time)

10 euro

ORTOFRUTTA (Part time - Full time)

10 euro

Fond EST: quote una tantum

CCNL

Importo part Time

Importo full Time

TERZIARIO DISTRIBUZIONE E SERVIZI

30 Euro

30 Euro

IMPIANTI SPORTIVI

30 Euro

30 Euro

AUTOSCUOLE

30 Euro

30 Euro

ATTIVITA' FUNEBRE

30 Euro

30 Euro

FARMACIE SPECIALI

30 Euro

30 Euro

PUBBLICI ESERCIZI E RISTORAZIONE COLLETTIVA

8 Euro

15 Euro

TURISMO – Imprese di viaggi e turismo, Tour operator

8 Euro

15 Euro

ORTOFRUTTA

15 Euro

15 Euro

Modalità di versamento 

Sono attualmente disponibili differenti modalità di versamento per la quota contributiva, secondo quanto riportato di seguito:

  • MENSILE POSTICIPATO;
  • ANNUALE ANTICIPATO;
  • Bonifico;
  • Carta di credito;
  • Mod. F24.

Modalità di compilazione degli uniemens

Di seguito analizziamo le istruzioni per effettuare il corretto versamento tramite invio dei flussi UniEmens. In questo caso, si deve tener conto di quanto disposto dalla circolare Inps n. 140 del 4 novembre 2010: “Modalità di compilazione del flusso UniEmens"

Tutti i datori di lavoro devono procedere alla compilazione del flusso Uniemens tramite la seguente metodologia.

  • Denuncia Individuale;
    • Dati Retributivi;
      • Dati Particolari;
        • ConvBilat;
          • Inserimento del valore EST1;
          • in corrispondenza dell’importo, a livello individuale, del versamento effettuato nel mod.F24 con il corrispondente codice. L’elemento deve contenere l’attributo

all’interno della sezione, dove deve essere indicato il mese di competenza del versamento effettuato con F24, deve essere seguita la forma “AAAA-MM”

Tutti i contributi relativi al Fondo Est dovranno essere indicati all’interno della sezione Inps del modello F24 secondo quanto riportato di seguito:

  • Codice sede: il codice della sede Inps di competenza;
  • Causale contributo: EST1;
  • Matricola Inps: la matricola Inps dell’azienda;
  • Periodo di riferimento;
    • In questo campo si deve indicare il mese e l’anno di competenza secondo il formato mese/anno (es: gennaio 2011 sarà 01/2011).
      Non si deve inserire alcun valore nel campo “a”;
  • Importo a debito versati: qui si deve inserire l’importo presente nella distinta del Fondo Est generata dall’invio del file xml.

Novità Diagnostica e Terapia 2019: endoscopie operative

Dal 1° gennaio 2019 il Fondo EST amplia la propria offerta sanitaria per tutti gli iscritti con l’inserimento delle endoscopie operative. E’ possibile conoscere l'elenco dettagliato delle endoscopie incluse e le relative modalità di accesso, analizzando la guida alle prestazioni 2019 – area “Diagnostica e Terapia”.

Come aderire al fondo?

Come detto sono le aziende che devono iscriversi a Fond Est; possono procedere all’iscrizione presso questo fondo tutte le aziende che applicano uno dei seguenti contratti collettivi nazionali:

  • terziario;
  • turismo;
  • farmacie speciali;
  • ortofrutticolo e agrumari.

Per effettuare l’iscrizione si deve seguire una procedura; essa potrà essere fatta direttamente online dalla specifica sezione. Una volta effettuata l’iscrizione vi arriverà un codice identificativo dell’azienda che dovrà sempre essere utilizzato al momento della richiesta di informazioni.

Tutti i dipendenti che intendono utilizzare le possibilità di rimborso per prestazioni sanitarie offerte dal Fondo devono registrarsi nell’apposita area personale denominata My Fond Est. Tramite questa procedura potranno caricare le proprie pratiche di rimborso come anche effettuare un controllo in tempo reale degli esiti della pratica.

Al fine di verificare che la propria azienda aderisca a Fond Est è sufficiente controllare la propria busta paga dove deve essere chiaramente indicato il versamento al Fondo.

Chi beneficerà del fondo?

Possono beneficiare del fondo e quindi dei rimborsi per prestazioni sanitarie tutti i dipendenti a tempo indeterminato o gli apprendisti delle predette aziende.

Sono altresì obbligate a farlo, tutte le aziende indipendentemente che occupino lavoratori con contratti part time o full time.

In realtà, però, anche i dipendenti a tempo determinato possono usufruire di questa importante possibilità ma devono avere un contratto in essere da almeno tre mesi.

Non sono compresi nel fondo i lavoratori a tempo determinato del CCNL terziario relativi alle farmacie speciali.

Il settore turismo, prevede all’interno del contratto che il dipendente potrà usufruire solo se il contratto è superiore a 3 mesi.

Il settore ortofrutticolo e agrumari prevede un contratto iniziale a tempo determinato di almeno cinque mesi.

Come avviene il rimborso delle spese mediche?

Per espletare la procedura di rimborso da parte del Fond Est delle spese sostenute per prestazioni sanitarie pubbliche o private vengono sempre effettuati a consuntivo. Questo vuol dire che il dipendente deve prima effettuare il pagamento delle parcelle e poi richiedere il rimborso al Fondo.

Le procedure da utilizzare sono molto semplici e snelle; tutti gli esiti possono essere seguiti direttamente on line accedendo alla propria area riservata.

Dal sito è possibile poi scaricare tutti i moduli per la richiesta di rimborso ai quali vanno ovviamente allegate anche la documentazione della prestazione, i referti medici, le diagnosi, etc.

Non si deve presentare gli originali ma è sufficiente inviare le copie dei referti e della documentazione. Il tutto, deve essere inviato agli apposito indirizzi che si possono trovare all’interno del sito e che cambiano in base al tipo di prestazione.

Una volta approvato il rimborso si riceve il bonifico corrispettivo sul proprio conto corrente entro due o tre mesi dall’approvazione.

Fondo Est: tutti i contatti

Al fine di avere maggiori dettagli e delucidazioni in merito al fondo sarebbe opportuno porre delle domande e delle richieste di informazioni soprattutto in tema di:

  • pratiche di rimborso;
  • piano sanitario;
  • iscrizione Aziende e Consulenti;
  • pagamento contributi.

Il Fondo Est ha riorganizzato e potenziato gli strumenti di contatto creando la nuova Centrale Operativa, ovvero il servizio clienti operativo tramite n° gratuito 800.922.985, disponibile da rete fissa e da rete mobile nei seguenti orari:

lunedì - venerdì dalle 8:30 alle 19:30 con orario continuato.

Maggiori informazioni possono anche essere richieste tramite casella mail [email protected] per ogni esigenza di contatto.

Tutti i dettagli sul fondo sono reperibili contattadno il servizio di assistenza clienti o visitando il sito internet: www.fondoest.it Qui è presente tutta la modulistica e i contatti.

Consigliamo di fare sempre riferimento al sito istituzionale per tutte le notizie aggiornate.

iQOption
Tommaso Piccinni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro