Decreto Imprese, estesi i tempi per restituzione dei prestiti e arriva autocertificazione per snellire la procedura

Ci sono delle interessanti novità che riguardano il decreto Imprese, che nei giorni scorsi è stato oggetto di alcune modifiche proposte nelle Commissioni Finanze e Attività produttive, che riguardano tra le altre cose i tassi di interesse ed i tempi di restituzione delle somme prestate alle aziende in difficoltà.

Estensione da 6 a 10 anni per la restituzione del prestito

Dalla Camera dei Deputati è arrivato il via libera all’emendamento bipartisan riformulato dai relatori sul decreto Imprese, con il quale si estende da 6 a 10 anni il periodo di tempo a disposizione delle aziende per poter restituire prestiti fino a 25 mila euro erogati con garanzia del 100% del Fondo centrale per le Pmi.

A proporre la modifica è stato il Movimento 5 Stelle che ha subito trovato l’appoggio anche degli altri gruppi politici ed è stata poi approvata dalle commissioni Finanze e Attività produttive. La correzione prevede, oltre all’estensione dei tempi per la restituzione delle somme prestate, anche una riduzione del tasso di interesse applicato, il quale stando a quanto riportato da IlSole24Ore “non potrà superare il tasso di rendistato con durata analoga al finanziamento maggiorato dello 0,2 per cento”.

Garanzia al 100% anche per prestiti fino a 30 mila euro

Nella sua versione originale, il decreto prevedeva la garanzia offerta dal Fondo centrale per le Pmi al 100% per i prestiti fino a 25 mila euro, ora invece si estende la stessa garanzia ai prestiti fino a 30 mila euro. A stabilire questa modifica un altro emendamento approvato dalle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera, formulato tenendo conto anche delle indicazioni analoghe espresse dalle opposizioni.

Per i prestiti fino a 800 mila euro restituzioni in 30 anni

Per i prestiti di somme fino a 800 mila euro, con garanzia pubblica fino all’80% e quella di Confidi per arrivare al 100% potranno essere restituiti in un periodo di tempo che è stato esteso a 30 anni.

Il nuovo meccanismo è stato illustrato dal sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Beretta, nelle commissioni Finanze e Attività produttive inserito nel decreto Imprese. La modifica è contenuta in un emendamento presentato dal Pd, riformulato dai relatori, nel quale convergono anche i pareri delle forze di opposizione.

Gianni Dal Moro, del Partito Democratico, ha commentato le modifiche apportate al decreto Imprese affermando: “è stata una decisione di buon senso che rappresenta un aiuto concreto e diretto per le nostre imprese e in particolare alle Pmi che fino a 3,2 milioni di fatturato 2019 potranno chiedere il finanziamento fino al 25% di quella cifra restituendo entro 30 anni con la copertura delle garanzie pubbliche fino all’80% e con il 20% di copertura Confidi”.

Per snellire la procedura arriva l’autocertificazione

Per velocizzare le procedure di erogazione dei finanziamenti delle aziende in difficoltà si è deciso di prevedere una autocertificazione. La modifica è stata apportata con un emendamento al dl Imprese che è stato approvato dalle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera, a seguito di alcune richieste da parte della magistratura, della Banca d’Italia e di altri istituti di credito, avanzate nelle scorse settimane.

Nel testo dell’emendamento si legge di un “protocollo d’intesa sottoscritto tra il Ministero dell’Interno, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e SACE” per prevenire “tentativi di infiltrazioni criminali”.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Fisco

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.