Addio alle detrazioni fiscali per finanziare la riforma Irpef. Ecco quanto ci perdono i lavoratori

Aggiornamento del
Riforma dell'Irpef: addio alle detrazioni fiscali - Borsainside.com

Nel percorso che condurrà alla tanto attesa riforma fiscale, la prima tappa si pone come fondamentale intervento sulla Irpef (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche).

L’obiettivo primario è la revisione delle aliquote e degli scaglioni esistenti, attualmente quattro, con l’obiettivo di ridurli a tre. Questo ambizioso cambiamento mira a alleggerire il peso della pressione fiscale che grava sulle spalle dei lavoratori e dei pensionati.

Tuttavia, è importante sottolineare che le risorse a disposizione non consentono una riduzione delle tasse senza un impatto su altri benefici esistenti.

Ristrutturazione dei bonus fiscali e delle detrazioni

Per finanziare questa ristrutturazione dell’Irpef, è necessario intraprendere un’approfondita ristrutturazione dei bonus fiscali e delle detrazioni attualmente in vigore.

Non si tratta solo di rivisitare le detrazioni e le deduzioni, ma anche di analizzare i crediti d’imposta, noti come “tax expenditure”, che attualmente pesano per il 4% sul Prodotto Interno Lordo (PIL).

È cruciale esaminare come l’abbassamento della tassazione possa influire sui vantaggi attualmente in essere e se ciò potrebbe compromettere i benefici promessi dalla riforma dell’Irpef.

Riforma dell’Irpef per un’equità orizzontale

Il primo passo nella riforma fiscale è la rimodulazione dell’Irpef, volta non solo a semplificare il sistema di tassazione italiano, ma anche a garantire un’equità orizzontale. Questo implica che le tasse dovrebbero incidere in maniera equa su tutti i cittadini, richiedendo una revisione profonda di tutto il sistema tributario.

L’obiettivo iniziale è rivisitare l’imposta sul reddito delle persone fisiche, riducendo il carico fiscale. Si sta considerando l’opzione di accorpare i primi due scaglioni di reddito o di unire il secondo e il terzo scaglione.

Entrambe le opzioni comportano vantaggi economici per alcune fasce di popolazione, ma implicano anche costi per le casse dello Stato. La riduzione delle entrate fiscali significa inevitabilmente una minore disponibilità di finanziamenti per i servizi pubblici, rendendo indispensabile la presenza di misure compensative.

Coperture attraverso la razionalizzazione delle detrazioni

Per poter realizzare una riduzione delle tasse, è necessario razionalizzare e ridurre le detrazioni, le deduzioni e i crediti d’imposta. È fondamentale proteggere le detrazioni primarie, come le spese di istruzione, sanitarie, le spese per ristrutturazioni edili e la previdenza complementare.

La “tax expenditure” va oggetto di revisione, il che significa che le spese fiscali che riducono l’imposta dovuta devono essere analizzate attentamente e, se necessario, ridimensionate.

Per poter calibrare con precisione le nuove aliquote, è essenziale rivedere le “tax expenditures”, ovvero quelle spese fiscali che permettono di ottenere sconti sull’imposta.

Tuttavia, durante questo processo di revisione, bisogna considerare attentamente gli obiettivi delle detrazioni stesse, al fine di evitare di compromettere i diritti fondamentali dei lavoratori.

Taglio delle detrazioni: alcune doverose considerazioni

Un taglio indiscriminato delle detrazioni potrebbe vanificare gli sforzi di rimodulazione delle aliquote e degli scaglioni Irpef. Se da un lato si mira a ridurre la percentuale delle tasse, dall’altro si tagliano gli sconti già previsti sull’imposta da pagare, aumentando il peso fiscale sui cittadini meno abbienti.

È per questo motivo che le spese sanitarie, quelle di istruzione, la previdenza complementare e i bonus per l’acquisto di abitazioni dovrebbero rimanere invariate, anche se verrà considerata la composizione del nucleo familiare.

Forfetizzazione delle detrazioni: una possibile soluzione

Nelle ultime settimane, ha guadagnato terreno l’idea di forfetizzare le detrazioni in base agli scaglioni di reddito. Questo approccio consentirebbe di stabilire un tetto massimo di benefici, considerando sia le fasce di reddito più basse della popolazione che la situazione personale del contribuente.

Tuttavia, è importante sottolineare che questa è ancora un’ipotesi in fase di valutazione e che occorre attendere ulteriori sviluppi da parte delle autorità esecutive per comprendere come affronteranno questa delicata questione.

In conclusione, la riforma fiscale e la rimodulazione dell’Irpef rappresentano una sfida ambiziosa volta a garantire un sistema di tassazione più equo ed efficiente. Tuttavia, è fondamentale considerare attentamente le implicazioni di tali cambiamenti, assicurando che le detrazioni vitali per i cittadini vengano mantenute, mentre si cercano soluzioni sostenibili per finanziare le riduzioni delle aliquote.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo