una donna che tiene la mano di un anziano
Assistenza anziani: tutti gli aiuti fiscali - Borsainside.com

Assistere un familiare anziano implica un notevole impegno, sia dal punto di vista fisico che temporale. Tuttavia, questo impegno può comportare anche un significativo onere economico, specialmente quando si rende necessario l’assunzione di una badante.

In un periodo in cui il costo della vita ha già messo molte famiglie italiane alle corde, è fondamentale conoscere le risorse a disposizione per alleggerire il peso finanziario che tale assistenza può comportare.

Il bonus Badante: a chi spetta e come funziona

Una delle principali risorse messe a disposizione per chi assume una badante è il cosiddetto “bonus badante.” Questo incentivo è stato introdotto da Cas.Sa.Colf ed è rivolto ai datori di lavoro che abbiano almeno un anno di iscrizione. Il bonus badante opera come un rimborso parziale delle spese sostenute per coprire i contributi previdenziali e la retribuzione dei lavoratori domestici.

Il diritto a ricevere il contributo è condizionato al fatto che la persona assistita sia in una condizione di non autosufficienza, il che significa che essa non è in grado di svolgere le azioni quotidiane più elementari, come mangiare, lavarsi o vestirsi.

In tali casi, viene assegnato un punteggio di gravità, e se tale punteggio supera almeno 40 punti, si ha diritto a ricevere il rimborso. Il massimo importo riconosciuto è di 300 euro al mese per un totale di dodici mensilità, e tale beneficio può essere fruito una sola volta.

Leggi anche: Arriva il bonus part-time 2024: cos’è, a chi spetta e come richiederlo

Altri aiuti economici per chi assiste un familiare anziano

Oltre al bonus badante, esistono ulteriori aiuti economici destinati a chi presta assistenza a un familiare anziano.

  • Indennità di accompagnamento
    Un’importante risorsa è l’indennità di accompagnamento, che ammonta a 527,16 euro netti al mese per un totale di dodici mensilità. Questo beneficio è concesso ai cittadini italiani con residenza stabile e abituale nel territorio nazionale, a condizione che essi siano non autosufficienti e che vi sia una certificata riduzione totale della capacità lavorativa. Non esiste alcun limite di reddito per presentare domanda presso l’INPS.
  • Detrazione dei contributi previdenziali
    Le famiglie che si prendono cura di un anziano possono beneficiare della possibilità di detrarre i costi sostenuti per il versamento dei contributi previdenziali in favore degli addetti all’assistenza personale. La detrazione prevista è del 19% su un tetto massimo di spesa pari a 2.100 euro. Questo significa che è possibile ottenere un rimborso massimo di 399 euro in sede di dichiarazione dei redditi.
  • Deduzione dei contributi
    Un’altra agevolazione destinata a chi assiste un familiare anziano è la deduzione dei contributi, che permette di abbattere la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte. In questo caso, l’agevolazione non è legata all’autosufficienza della persona assistita e consente di dedurre fino a 1.549,37 euro al mese.

Ci sono, come abbiamo visto molte risorse a disposizione di coloro che si dedicano all’assistenza di un familiare anziano. Questi aiuti possono rappresentare un notevole sollievo sia dal punto di vista finanziario che da quello emotivo. È fondamentale conoscere le varie forme di supporto disponibili per garantire una migliore qualità di vita sia all’anziano che a chi si prende cura di lui.

Leggi anche: Bonus Genitori 2024: cos’è e come funziona il nuovo bonus per le famiglie in Legge di Bilancio

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.