Una madre che tiene per mano due figli in un parco
Nuovo bonus 100 euro per lavoratori dipendenti: quando arriva e quali sono i requisiti - Borsainside.com

Non si tratta del vecchio bonus Renzi, che inizialmente era da 80 euro e che poi è stato portato a 100 euro, diventando così il bonus 100 euro in busta paga che molti lavoratori ancora oggi percepiscono mensilmente. Quello di cui stiamo parlando in questa occasione è un bonus completamente nuovo, che viene sì elargito in busta paga, ma che spetta sulla base di altri requisiti e condizioni.

Cos’è e a chi spetta il nuovo bonus 100 euro

Nei giorni scorsi il Consiglio dei Ministri del governo di Giorgia Meloni ha approvato un nuovo incentivo che dovrebbe consistere di un bonus in busta paga per lavoratori dipendenti, ma quali sono le condizioni necessarie per aver diritto al beneficio? Anzitutto si tratta di una misura che si rivolge alle famiglie con redditi medio-bassi.

Il nuovo bonus in busta paga da 100 euro è in ogni caso una misura transitoria, che dovrebbe aiutare le famiglie a far fronte all’innalzamento del costo della vita. Come accennato infatti, la misura si rivolge ai redditi più bassi, per l’esattezza entro i 28 mila euro.

Trattandosi di una misura in fase di approvazione, ancora non vi sono assolute certezze riguardo la sua introduzione, infatti lo stesso viceministro dell’Economia, Maurizio Leo, ha spiegato che l’obiettivo ora è “trovare equilibrio per le coperture”. Bisogna anche considerare che si tratta di un bonus soggetto a ritenute, quindi l’importo cambia in base all’aliquta e alle detrazioni d’imposta.

Veniamo però alle condizioni, che sono specificate nella bozza del decreto, e sono le seguenti:

  • il reddito complessivo non deve superare i 28mila euro
  • l’imposta lorda determinata sui redditi da lavoro dipendente (escluse pensioni e assegni) deve essere di importo maggiore a quello delle detrazioni spettanti al lavoratore
  • chi chiede il bonus deve avere coniuge e almeno un figlio, entrambi a carico
  • in caso di nuclei monogenitoriali, il lavoratore deve avere almeno un figlio a carico, con l’altro genitore che manca oppure che non abbia riconosciuto il figlio. Il contribuente, inoltre, non deve essere coniugato oppure successivamente separato

A conti fatti il beneficio dovrebbe raggiungere in tutto circa 1,1 milioni di famiglie, ed è il lavoratore dipendente stesso a dover chiedere il bonus al proprio datore di lavoro. In fase di richiesta il lavoratore deve dichiarare per iscritto di aver diritto al bonus, riportando il codice fiscale del coniuge (eventuale) e del figlio.

Leggi anche: Col “decreto 1° maggio” arriva il Superbonus assunzioni 2024. A chi spetta e quali sono gli importi

Quando arriva il nuovo bonus da 100 euro in busta paga?

Per quanto riguarda invece le tempistiche, l’attesa è ancora lunga. Il bonus infatti dovrebbe iniziare ad essere erogato solo a partire dal gennaio del prossimo anno. Nei piani dell’attuale esecutivo poi, al bonus da 100 euro si andrà ad aggiungere anche una detassazione dei premi di produzione al 10% per tutto il 2025.

Inoltre dovrebbe essere confermato, anche per il 2025, il taglio del cuneo fiscale, che dovrebbe determinare quindi un seppur minimo aumento dello stipendio netto. Mancano invece le conferme del bonus tredicesima, che prevede un aumento della tredicesima mensilità.

Ma tornando al nuovo bonus da 100 euro in busta paga, si tratta di una misura una tantum che produrrà un aumento in busta paga del tutto transitorio, ma per quante mensilità esattamente? Purtroppo per rispondere a questa domanda bisognerà attendere la pubblicazione del decreto I maggio.

Leggi anche: Quanto spetta di tredicesima nel 2023? L’importo quest’anno sarà più alto ed ecco perché

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.