Skin ADV

Per Christine Lagarde ombre sull’economia globale a causa della trade war

trade war

Il numero 1 del Fmi avverte sui rischi globali derivanti dall'acuirsi della guerra commerciale.

Secondo Christine Lagarde, timoniera del Fondo Monetario Internazionale e, tra breve, numero 1 della Banca centrale europea, la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina è la più grande minaccia per l'economia globale. Lagarde ha infatti affermato che le tariffe che gli Stati Uniti e la Cina hanno imposto sulle reciproche merci sono destinate a erodere lo 0,8% della crescita economica globale nel 2020.

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Conto Demo gratuito sul miglior broker Trading ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato – 100.000€ virtuali saranno accreditati subito sul tuo demo… Provo demo gratuita >>

Si tratta di un numero che Lagarde ha definito essere “enorme”, che si traduce in minori business e minori posti di lavoro, meno investimenti ma – di contro – più incertezza. Insomma, “pesa come una grande nube scura sull'economia globale" – ha aggiunto, precisando di ritenere che “la minaccia contro il commercio in questo momento sia il più grande ostacolo per l'economia globale”.

È pur vero che la situazione potrebbe avvicinarsi a una migliore risoluzione. I negoziatori di Stati Uniti e Cina sono pronti a riprendere i colloqui il mese prossimo a Washington, al fine di evitare guai peggiori con le prossime, già pianificate, ondate di dazi. “Più a lungo la situazione si protrarrà, più sarà grande l'incertezza. E se sei un investitore, se sei un'impresa, piccola, media o grande, non hai intenzione di investire in questo contesto, e aspetterai. Ti siederai e ti chiederai dove saranno organizzate e catene di fornitura” – ha dichiarato ancora Lagarde.

Peraltro, non sfugge che oltre alla Cina, il Presidente Donald Trump ha minacciato anche i partner europei, accusandoli di misure protezionistiche. Più di recente, dopo i colloqui con i leader dell'Unione europea, Trump ha modificato il suo tono in senso più positivo, in relazione alle prospettive di un accordo commerciale equo, senza imporre tariffe minacciate sulle importazioni di automobili.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro