Tassi negativi? No, grazie. È questa, in estrema sintesi, la valutazione effettuata da Jamie Dimon, amministratore delegato del gigante bancario statunitense J.P. Morgan Chase, che in una recente intervista ha affermato che una nuova flessione dei tassi di interesse non sarà una determinate chiave per poter risollevare crescita economica.

Penso che quando lo hanno fatto prima, c’era l’idea di salvare l’Unione europea, l’unione monetaria. Ma penso che, se parte permanente della politica monetaria, sia davvero una pessima idea. Avrebbe delle conseguenze negative che non riusciamo a comprendiamo appieno”, ha affermato il banchiere.

Dimon si unisce così alla lunga fila di dirigenti aziendali ed economisti che si oppongono all’adozione di una tale politica per molto tempo, mentre le banche centrali di tutto il mondo cercano di stimolare la crescita continuando a ridurre i tassi di interesse, alcuni anche in territorio negativo.

Se si vuole avere una crescita è meglio pensarci davvero a fondo attraverso le politiche, e non solo sui tassi negativi ma anche sull’allocazione del capitale” ha aggiunto. “Quindi, spero che ciò non accada negli Stati Uniti”.

Ricordiamo che lo scorso mese la Banca Centrale Europea ha spinto i tassi più in profondità in un territorio già negativo, mentre la Banca del Giappone sembra aver posto le basi per una mossa simile. Avere tassi negativi significa essenzialmente che le banche che depositano il loro denaro sostengono una spesa – invece di ricevere interessi. Una politica che mira evidentemente a incoraggiare gli istituti di credito a concedere finanziamenti, alimentando così la spesa delle famiglie e gli investimenti delle imprese. Ma i tassi di interesse negativi sono anche avversi per la redditività delle banche, e potrebbero incoraggiare un aumento del debito in misura tale da danneggiare l’economia – ha recentemente commentato il Fondo Monetario Internazionale, dichiarando che l’aumento del debito e l’indebolimento della capacità di servizio del debito hanno aumentato le vulnerabilità del settore delle imprese in diverse economie.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.