alcuni grafici sull'andamento di prezzo e in sovrimpressione la cartina del Regno Unito e il simbolo della Sterlina
Cosa succede al cambio GBP/USD? - Borsainside.com

Nell’attuale panorama economico, la Sterlina Britannica (GBP) si trova in un momento cruciale, sospesa tra le sfide della recessione e le prospettive di rialzo dei tassi di interesse sostenute dalla Banca d’Inghilterra (BoE).

Proviamo quindi ad esaminare le cause che originano questa situazione, analizzando i recenti sviluppi e le aspettative future. La coppia GBP/USD è al centro dell’attenzione, mentre gli investitori scrutano con interesse i dati sulle vendite al dettaglio britanniche per luglio, nella speranza di ottenere chiare indicazioni sulle direzioni future.

Prospettive di crescita e rialzo dei tassi

Le recenti preoccupazioni per una possibile recessione hanno gettato ombre sulle prospettive di crescita della Sterlina Britannica. Tuttavia, da un altro lato, le crescenti aspettative di ulteriori aumenti dei tassi di interesse da parte della BoE stanno offrendo supporto al lato negativo della valuta.

Le scommesse a favore di un aumento dei tassi di interesse nella riunione di politica di settembre si sono significativamente rafforzate. Questo movimento è guidato dalla robusta crescita dei salari nel Regno Unito e dall’inflazione di base persistente, che stanno richiedendo un restringimento ulteriore delle politiche monetarie.

La Sterlina Britannica mostra un consolidamento della volatilità sopra 1,2700, poiché sia l’inflazione di base persistente che le sfide del mercato del lavoro contribuiscono alle preoccupazioni di recessione.

L’Indice dei Prezzi al Consumo (IPC) principale per luglio si è attenuato secondo le aspettative, ma l’inflazione di base continua a preoccupare gli ufficiali della BoE. Nonostante un leggero calo dal picco recente, l’inflazione di base si mantiene sopra il 6,9%, indicando che le sfide nel contenimento dei prezzi persistono.

I fattori che contribuiscono all’inflazione

L’inflazione principale nel Regno Unito è stata influenzata da diverse variabili. Un calo dei prezzi del gas ha contribuito a una contrazione dell’inflazione a giugno, mentre i rivenditori di carburante hanno passato i vantaggi dei prezzi del petrolio più bassi ai consumatori finali.

È interessante notare che il Governatore della BoE, Andrew Bailey, ha espresso preoccupazioni riguardo ai sovraprezzi da parte dei rivenditori di carburante.

L’attenuazione dell’inflazione alimentare ha contribuito alla contrazione dell’inflazione principale nel Regno Unito. I dati economici mostrano un miglioramento costante, con un tasso del 12,7% fino al 6 agosto, in calo rispetto alla stima precedente del 14,9%.

Date la robusta crescita dei salari e l’inflazione di base persistente, è probabile che la BoE continuerà a stringere ulteriormente i tassi di interesse per contenere le pressioni inflazionistiche.

Le persone che pagano l’affitto per l’alloggio si stanno preparando ad affrontare ulteriori spese, poiché la domanda di nuove abitazioni è diminuita a causa dell’aumento dei costi di prestito. Questo scenario ha un impatto significativo sulla spesa dei consumatori e potrebbe influenzare l’andamento economico generale.

Focus sulle vendite al dettaglio e gli effetti sul mercato globale

Dopo l’analisi dell’inflazione e del mercato del lavoro, l’attenzione degli investitori si sposta ora sui dati sulle vendite al dettaglio di luglio. Le stime indicano una contrazione mensile dello 0,5%, attribuibile alle condizioni meteorologiche umide, rispetto all’aumento dello 0,7% registrato a giugno. I dati annuali mostrano un calo significativo, passando dal -1,0% stimato a giugno al 2,1%.

Il sentimento di mercato è attualmente teso a causa delle prospettive economiche negative per la Cina, caratterizzate da una domanda debole e esportazioni in calo. Molti paesi occidentali stanno cercando di ridurre la loro dipendenza dalla Cina per le forniture.

La recente revisione al ribasso delle previsioni sul Prodotto Interno Lordo (PIL) cinese da parte della banca d’investimento Morgan Stanley ne è un esempio.

Il ruolo del dollaro Usa (USD)

L’indice del dollaro statunitense (DXY) ha raggiunto nuovi massimi in sette settimane, raggiungendo quota 103,60. Ciò è attribuibile alle crescenti paure di recessione nelle nazioni in via di sviluppo.

Le aspettative di ulteriori rialzi delle politiche da parte della Federal Reserve (Fed) si stanno rafforzando, poiché gli ufficiali della Fed vedono significativi rischi al rialzo per l’inflazione. I verbali del Federal Open Market Committee (FOMC) hanno evidenziato l’incertezza ancora presente nell’ambiente inflazionistico e la dipendenza delle future azioni politiche dai dati in arrivo.

logo broker etoro

Tutti i migliori broker CFD consentono di fare trading sul cross Eur/Usd. Il nostro suggerimento è di usare eToro, un broker che mette a disposizione anche un conto demo gratuito con 100mila euro virtuali per imparare a usare gli strumenti di trading senza rischiare denaro vero. In questo articolo abbiamo parlato di come fare trading su Eur/Usd con eToro.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.