Rialzo Equity, lo Yen cade mentre aumenta il sentimento di rischio

Rialzo Equity, lo Yen cade mentre aumenta il sentimento di rischio
© Shutterstock

L'inflazione complessiva giapponese batte le aspettative, ma le misure di base rimangono ben al di sotto dell'obiettivo della BoJ

CONDIVIDI

L'inflazione giapponese è aumentata in agosto più del previsto ma allo stesso tempo due indicatori di livello sono rimasti in sordina segnalando che la Banca del Giappone difficilmente cambierebbe la sua politica esplicitamente per il momento.

La crescita dei prezzi è stata dell'1,3% in termini annuali, superando la stima mediana dell'1,1% e segnando un incoraggiante aumento rispetto allo 0,9% registrato a luglio. Ai tori del JPY non sono stati offerti molti punti di entrata, anche se l'inflazione sia migliorata leggermente abbiamo ricevuto anche le notizie dalla banca centrale del Giappone che ha deciso di tagliare gli acquisti di debito con scadenza oltre 25 anni di 10 miliardi di yen giapponesi alla sua regolare operatività venerdì.

È stata la prima riduzione da luglio a questo segmento. Citiamo anche l'ex membro del consiglio della BoJ, Shirai, che ha affermato che "prima di compiere qualsiasi passo verso la normalizzazione della politica monetaria, la BoJ dovrebbe introdurre flessibilità nell'interpretazione dell'obiettivo di stabilità dei prezzi del 2%".

Il cinese Hang Seng sembra intenzionato a superare il suo 75DMA, una mossa critica che consentirebbe all'indice di muoversi almeno verso 11200 punti.

Tuttavia, l'intera settimana non ha avuto successo per il biglietto verde, per non dire altro, si prevederà un considerevole contraccolpo che diminuirà poco prima della riunione della Federal Reserve della prossima settimana.

Nella mattinata di venerdì è scambiato vicino a 1.1780 - le PMI preliminari di settembre potrebbero senza dubbio influenzare la coppia. “Perché il biglietto verde è caduto?” Si noti che questo è accaduto nonostante i rischi latenti per quanto riguarda la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

>>>APRI UNA DEMO XTB PER INVESTIRE SUGLI INDICI ASIATICI 

Di conseguenza, il sentimento di rischio è migliorato, aumentando il rendimento degli Stati Uniti (il rendimento a 10 anni si sta spostando attorno al 3,08% al momento della scrittura, che è di circa 10 punti base più alto rispetto all'inizio della settimana), le valute ad alto beta hanno rimbalzato tenendo conto del fatto dei rischi che circondano la riunione della Fed sembrano essere inclinati verso il ribasso per il dollaro, si potrebbe supporre che le valute dei mercati emergenti potrebbero fare bene nelle prossime settimane, probabilmente fino alle elezioni negli Stati Uniti a novembre, dato che Donald Trump potrebbe essere più indulgente in negoziati commerciali fino ad allora.

L'indice del dollaro USA è fissato per un altro pesante declino settimanale mentre i traders si preparano si per la riunione della Federal Reserve della prossima settimana. Tecnicamente il prezzo potrebbe spostarsi verso 92,5 seguiti da 91,50 che sembra essere fattibile dato l'attuale spinta al ribasso.

Nelle altre notizie:

  • Hang Seng (CHNComp) guadagna 1,75%, Shanghai Composite sale 1,6%, NIKKEI (JAP225) sale dell'1,1% in seguito ai guadagni decenti su Wall Street dove NASDAQ (US100) e Dow Jones (US30) aggiungono l'1% ciascuno mentre SP500 (US500) guadagnato 0.8%

  • Il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump terranno un incontro al vertice il 26 settembre a New York

  • S & P alza le prospettive di rating per l'Australia citando l'aspettativa che il bilancio torni ad eccedere all'inizio del prossimo decennio

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro