Borse asiatiche, per il Giappone un 2018 in calo del 12%

giappone

Il 2018 si chiude con un forte segno negativo per la Borsa del Giappone.

CONDIVIDI

Complice anche un’ultima seduta d’anno non particolarmente esaltante, sull’intero 2018 la Borsa del Giappone ha perso il 12,1% della sua capitalizzazione, ponendo così la parola fine a una lunga serie di rialzi annui: era infatti dal 2011 che la pizza finanziaria del Paese asiatico non subiva delle flessioni della propria capitalizzazione nel listino principale.

A proposito di ultima seduta, brevemente citata, la Borsa di Tokyo ha salutato il 2018 con un segno meno, dopo due giorni di guadagni. L’indice Nikkei ha infatti ceduto lo 0,31% a quota 20.014,77 punti, mentre il Topix è calato dello 0,5% a 1.494,09 punti.

Contrariamente a quanto suggerivano alcuni analisti, dunque, la Borsa di Tokyo non è riuscita a sfruttare il rialzo di fine anno di Wall Street. A pesare sull’andamento del mercato finanziario del Giappone sono stati i dati macro più deboli del previsto, con le vendite al dettaglio che nel mese precedente (novembre) sono cresciute a un ritmo più lento delle attese. Di contro, è salita dal 2,4% al 2,5% il tasso di disoccupazione, mentre la produzione industriale è scesa dell’1,1% su base mensile. Insomma, un mix di dati macro che sembrano supportare i timori di un potenziale rallentamento dell’economia.

Come se il quadro di sopra non fosse sufficiente per aprire qualche margine di incertezza sulla tenuta dell’economia giapponese, sono poi giunti i verbali dell’ultima riunione della Bank of Japan, in cui i policy maker sottolineano gli effettivi crescenti rischi per la crescita.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro