In un contesto di rasserenamento delle tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina, Pechino sta finalmente agendo sulla tanto attesa apertura della sua industria finanziaria, e diversi operatori finanziari di primo piano ne stanno evidentemente prendendo nota.

Pechino ha infatti annunciato poco fa che le istituzioni finanziarie straniere possono partecipare a compagnie investimento straniero nel Paese, diventandone così azionisti. Altri cambiamenti al proprio approccio potrebbero includere la possibilità per gli istituti di credito stranieri di stabilire banche interamente di proprietà in Cina, e l’eliminazione della necessità di una previa approvazione per lo svolgimento di attività commerciali nella valuta locale, lo yuan.

Gli annunci arrivano, non a caso, mentre Stati Uniti e Cina hanno concluso l’ultimo ciclo di colloqui commerciali nello scorso fine settimana, con l’intenzione di sigillare un accordo nelle prossime settimane, che probabilmente coprirà la protezione della proprietà intellettuale, i servizi finanziari e gli acquisti agricoli cinesi.

Ricordiamo altresì come venerdì 11 ottobre la China Securities Regulatory Commission abbia annunciato un calendario per la rimozione dei limiti di proprietà straniera nel settore finanziario, e in particolare nei futures, nei fondi comuni e nelle società di valori mobiliari. L’avvio previsto di tali nuove regole è previsto per il prossimo mese di gennaio, costituendo così un altro passo in avanti verso l’aumento della fiducia a lungo termine delle istituzioni ad investimento straniero in Cina, e permettendo così a queste aziende di poter avere un orizzonte ancora più chiaro dei propri impieghi nel Paese asiatico.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.