Saudi Aramco, i profitti balzano del 30% grazie alla ripresa petrolifera

Saudi Aramco ha annunciato di aver conseguito un balzo del 30% dei propri profitti netti. Una spia della continua ripresa dal crollo del mercato petrolifero dell’anno precedente, che ha visto i guadagni dimezzati. Nel comunicato stampa, invece, la società petrolifera ha dichiarato di aver conseguito un reddito netto pari a 21,7 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno, dai 16,6 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso.

Così facendo, Saudi Aramco ha superato le stime di alcuni analisti pari a 17,24 miliardi di dollari, nonostante una minore produzione di petrolio nei mesi di febbraio e di marzo. La cifra si avvicina al livello di reddito netto dell’azienda nel primo trimestre del 2019, che era di 22,2 miliardi di dollari. La società ha poi specificato come il free cash flow nel primo trimestre del 2021 sia stato pari a 18,3 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 15 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso.

Viene infine mantenuto stabile il dividendo, pari a 18,8 miliardi di dollari sia nel primo che nel secondo trimestre.

La crescita dei prezzi del petrolio

I guadagni dell’operatore riflettono un clima evidentemente migliorato per i mercati petroliferi dal primo trimestre dell’anno scorso, quando Aramco ha riportato un calo del 25% dell’utile netto mentre era alle prese con le prime ricadute della pandemia del coronavirus e il crollo della domanda globale.

Aramco, come i suoi concorrenti, ha lungamente attraversato un ambiente incerto, con prezzi del petrolio e ripresa economica globale dall’andamento imprevedibile. La società ha descritto il 2020 come “l’anno più impegnativo” della sua storia, e ora sta beneficiando della ripresa dei mercati petroliferi, con i prezzi del greggio Brent che sono circa il doppio rispetto a questo periodo dell’anno scorso. Anche i margini della raffinazione e dei prodotti chimici stanno cominciando a migliorare.

Lo slancio fornito dalla ripresa economica globale ha rafforzato i mercati dell’energia“, ha annunciato il presidente e amministratore delegato di Aramco Amin Nasser in un comunicato stampa, per poi aggiungere che “alcuni venti contrari rimangono“, ma “dati i segnali positivi per la domanda di energia nel 2021, ci sono più ragioni per essere ottimisti che stiano arrivando giorni migliori“.

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borse Asiatiche

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.