Investimenti, cosa ne pensano i gestori di fondi dei mercati emergenti

fondi

Alcuni dei più noti gestori di fondi diffondono le loro previsioni sugli investimenti nei mercati emergenti.

CONDIVIDI

Da un dollaro più forte a una guerra commerciale sempre più grave, le obbligazioni e le valute asiatiche emergenti non hanno avuto altro che problemi dall’inizio del 2018. Ma come si stanno comportando i gestori di fondi?

Bloomberg ha compiuto una serie di interessanti interviste nei confronti di alcuni noti gestori di fondi, scoprendo che le tensioni commerciali, i dazi e le elezioni in programma sono ancora interpretati come il principale ostacolo per i mercati asiatici. Ciò che accadrà in Cina sarà fondamentale, con alcuni che auspicano la stabilizzazione dello yuan, e altri che sostengono che i forti fondamentali economici dell'Asia offriranno un cuscinetto a qualsiasi volatilità.

Abbiamo fatto il riassunto delle principali valutazioni.

Pimco

Roland Mieth, gestore di portafogli sui mercati emergenti a Singapore presso Pacific Investment Management Co., che controlla 1,71 trilioni di dollari di investimenti, ricorda come i mercati emergenti asiatici siano a un bivio in termini di propensione al rischio, con la guerra commerciale, le ampie oscillazioni del dollaro, l'inasprimento della policy della Federal Reserve e la prevista crescita economica della Cina in fase di rallentamento a costituire i principali driver da oggi fino al 2019.

Il modo in cui il sentimento globale si evolverà nei prossimi 6 - 12 mesi dipenderà molto dalla misura in cui la Cina riuscirà ad allentare le condizioni di liquidità, sosterrà la crescita e consentirà una valuta più debole senza provocare deflussi di capitali. Il posizionamento della società rimane relativamente leggero e di natura tattica. “Abbiamo una visione costruttiva sui fondamentali per la maggior parte dei paesi della regione e riconosciamo l'economicità che è stata creata nel primo semestre” – afferma il gestore.

Amundi

Esther Law, gestore senior del debito dei mercati emergenti a Londra presso Amundi SA, che controlla l'equivalente di $ 1,67 trilioni di impieghi, afferma che “è troppo presto per dire se l'intero EM ha girato l'angolo. Ci sono ancora molti rischi a livello di titoli relativamente alle guerre commerciali, alle sanzioni e ai rischi elettorali in generale, e questi probabilmente interesseranno le obbligazioni dei mercati emergenti e dei titoli di stato a breve termine nel prossimo futuro”.

“Cerchiamo di mantenere una duration complessiva corta e ci concentriamo sulle scommesse relative al valore su EM FX” – ha dichiarato, ricordando di aver aumentato l'esposizione ai mercati emergenti asiatici di recente dopo che lo yuan cinese si è stabilizzato. L'Indonesia è la prima scelta per le obbligazioni EM e FX.

Fidelity International

Eric Wong, gestore di portafoglio a reddito fisso con sede a Hong Kong presso Fidelity International, che controlla 431 miliardi di dollari, ricorda come i mercati emergenti asiatici saranno supportati dall'accelerazione dello stimolo della Cina, poiché le autorità reagiranno a un rallentamento della crescita più rapido del previsto. Tuttavia, la regione non ha raggiunto il punto di svolta con rischi multipli nei prossimi 3 - 6 mesi, comprese le imminenti elezioni statunitensi a medio termine, che potrebbero esacerbare la guerra commerciale.

“Le Filippine sono certamente un mercato che ci riguarda. L'inflazione è sorprendentemente al rialzo e la crescita non è incoraggiante. La banca centrale ha fatto la cosa giusta la scorsa settimana alzando i tassi ufficiali di 50 punti base, ma è ancora indietro rispetto alla curva in cui si trovano e alle dinamiche inflazionistiche” – dichiara il gestore.

State Steet

Ng Kheng Siang, responsabile dei titoli a reddito fisso dell'Asia Pacific con sede a Singapore presso State Street Global Advisors, che gestisce quasi $ 2,73 trilioni, segnala invece che c’è stata un po’ di stabilizzazione nella maggior parte dei mercati dei titoli di Stato in valuta locale nell'area Asia – mercati emergenti, anche se questa situazione può essere rapidamente interrottA da sviluppi come un indebolimento dei fondamentali della Turchia.

Le principali minacce sono “un improvviso cambiamento nei sentimenti di rischio globale, lo sviluppo delle tariffe commerciali, l'improvviso cambiamento delle politiche da parte dei governi e delle banche centrali in grado di sorprendere i mercati” – afferma. “Le valute dei mercati emergenti stanno ancora affrontando venti contrari con un sentimento di rischio che continua ad avere ancora tinte negative” – aggiunge.

AllianceBernstein

Yoo Jae Heung, senior portfolio manager di Seoul presso AllianceBernstein Ltd. che gestisce $ 540 miliardi, dichiara invece che le difficoltà a breve termine includono un rafforzamento del dollaro a causa dell'aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, l'escalation della guerra commerciale USA - Cina e le incertezze politiche in alcune economie emergenti. Rispetto al 2013, i fondamentali dei mercati emergenti a medio-lungo termine rimangono positivi, viste le favorevoli proiezioni della crescita economica globale.

Aviva

Stuart Ritson, responsabile delle tariffe asiatiche di Singapore e FX presso Aviva Investors, che gestisce oltre 482 miliardi di dollari, afferma a Bloomberg che “i tassi di cambio e le valute dei mercati emergenti asiatici hanno già subito una forte ripresa negli ultimi mesi, con conseguenti valutazioni interessanti in diversi mercati. Ma le preoccupazioni attorno al più ampio universo degli emergenti probabilmente smorzeranno la propensione al rischio nel breve termine”.

Tuttavia, qualsiasi contagio da altre regioni sarà probabilmente transitorio data la base relativamente forte delle economie asiatiche. I deflussi transfrontalieri da alcuni mercati asiatici più redditizi come l'Indonesia e l'India si sono stabilizzati nelle ultime settimane.

Deutsche Bank Wealth Management

Tuan Huynh, Chief Investment Officer per Asia Pacific presso Deutsche Bank Wealth Management a Singapore, sottolinea come sia probabile che i mercati emergenti si stabilizzeranno ulteriormente per il resto dell'anno, poiché la solidità del dollaro sarà modesta, i fondamentali economici dell'Asia sono ampiamente resilienti e lo yuan cinese onshore sarà stabile con l'intervento della banca centrale di Pechino.

Le obbligazioni governative cinesi saranno supportate dall'allentamento monetario mentre il debito sovrano di alcune altre economie emergenti asiatiche risentirà degli aumenti dei tassi d'interesse a fronte di un'inflazione più elevata e della volatilità del mercato.

I rischi di contagio dalla Turchia saranno limitati poiché le esportazioni della zona euro verso la Turchia rappresentano meno dello 0,6% del PIL; l'esposizione totale delle banche in Spagna, Francia e Italia con i maggiori crediti in Turchia è di 135 miliardi di euro o il 6% della loro esposizione nei Paesi della zona euro e quindi è improbabile che le ricadute causino una stretta creditizia della zona euro.

Oppenheimer Funds

Concludiamo infine con le dichiarazioni di Krishna Memani, Chief Investment Officer con sede a New York presso Oppenheimer Funds Inc., che controlla oltre 249 miliardi di dollari. Il gestore sottolinea come il lato negativo della guerra commerciale è limitato e gli Stati Uniti dovranno affrontare alcune pressioni da parte delle elezioni di medio termine per risolvere il problema, poiché la controversia inizia a danneggiare la sua economia.

“Continuiamo ad apprezzare le obbligazioni governative dei mercati emergenti e le attività valutarie in generale e siamo più concentrati su paesi come Brasile, Argentina, Indonesia. Il più grande underperformer nei mercati emergenti è stato e rimarrà probabilmente in Turchia, dove la politica sta vincendo l'economia e l'ambiente politico sta diventando terribile” – conclude.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro