Mercati emergenti vicini a un punto di svolta secondo Templeton

emergenti

I mercati emergenti sono vicini a un punto di svolta: quale sarà il loro destino?

CONDIVIDI

Franklin Templeton Investments ha recentemente affermato che la rotta nei mercati emergenti potrebbe essere vicina a un punto di svolta. Considerata l'incertezza del momento, il gestore ha dunque dichiarato di mantenere una posizione neutrale rispetto al dollaro, e di effettuare operazioni rivolte a puntare sul calo del dollaro australiano rispetto al dollaro neozelandese.

“Stiamo cercando di non prendere la grande svolta del dollaro in questo momento, perché pensiamo che potrebbe dirigersi in entrambi i modi”, ha dichiarato Chris Siniakov, responsabile del reddito fisso per l'Australia di Templeton, in una recente intervista a Bloomberg. “Preferiamo scegliere dove c'è un valore relativo e chi ci aspettiamo essere vincitori e vinti nel complesso dei mercati emergenti” – ha poi proseguito.

La liquidazione degli asset dei mercati emergenti di quest'anno è stata stimolata da maggiori rendimenti del Tesoro e tagli alle tasse negli Stati Uniti, oltre che dall'aumentata paura per l'escalation delle restrizioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina. Tuttavia, la disponibilità di Templeton a fare una scommessa direzionale sul dollaro mette in evidenza quanto siano divisi i gestori di fondi dopo che il biglietto verde ha guadagnato oltre il 5% da metà aprile nei confronti della sua controparte.

JPMorgan Asset Management e Man Group Plc, ad esempio, sono tra i gestori che preferiscono attendersi un’ulteriore forza da parte della valuta, mentre altri operatori, come Jeffrey Gundlach di DoubleLine Capital, vedono un calo entro la fine dell'anno.

In linea di massima, è evidente come la rinascita del biglietto verde abbia spinto il presidente Donald Trump a “comprimere” la moneta. Ciò non ha scoraggiato gli investitori speculativi - come gli hedge fund - che stanno ancora scommettendo su ulteriori guadagni in dollari, dati dal Commodity Futures Trading Commission show.

Potrebbe evolversi in entrambi i modi - ha precisato ancora Siniakov. Il dollaro potrebbe apprezzarsi di più se gli investitori continueranno a cercare beni rifugio nel peggioramento delle relazioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, anche se potrebbe in realtà essere più debole se l'economia degli Stati Uniti dovesse iniziare a surriscaldarsi e se la probabilità di un rallentamento dovesse iniziare a pesare sulle menti degli investitori.

“Noi a livello locale ci stiamo concentrando sulla regione asiatica, Paesi che si trovano in una posizione fiscale migliore, con discrete evoluzioni domestiche e buone policy da parte dei loro leader”, ha detto Siniakov. Alcuni mercati emergenti, tra cui la Turchia e l'Indonesia, continueranno comunque a sperimentare rinnovate pressioni.

Alla domanda su cosa il gestore stesse effettivamente comprando, Siniakov ha poi precisato che “continuiamo a mantenere una protezione dall'inflazione: investiamo nello spazio swap coupon zero nei mercati dell'inflazione negli Stati Uniti. Se l'inflazione a ciclo tardivo dovesse raggiungere il picco negli Stati Uniti, allora potremmo godere di una certa protezione. Abbiamo anche assunto alcune opzioni su diversi indici di credit default swap”.

Ma perché andare short sul dollaro australiano? “Per ora guardiamo ad una range di quotazione del dollari australiani da 70 a 75 centesimi. Il dollaro australiano è stato spinto al ribasso non da fattori interni, anche se i titoli del mercato immobiliare hanno alcuni investitori offshore in corto rispetto all'Aussie. È una valuta di rischio che si trova in una condizione di generale malessere dei mercati emergenti. Fino a quando tali problemi non scompariranno, il percorso del dollaro australiano sarà probabilmente al ribasso – afferma Siniakov.

Infine Siniakov ammette che i mercati emergenti sono più vicini a un minimo, anche se non c’è stata una vera e propria capitolazione. “C'è stata una certa pressione, ma in qualche modo è stata ordinata. Non abbiamo visto lo shock e il timore reverenziale, ad esempio, attraverso una vera e propria flessione dei rendimenti del Tesoro” – afferma.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro