Borsainside.com

Previsioni petrolio: si prospetta un autunno molto delicato per l’OPEC+

opec

L'OPEC è atteso da un periodo di decisioni critiche, in un contesto ancora condizionato dal Covid-19.

L'OPEC e i suoi alleati hanno la necessità di trovare un equilibrio tra la necessità di sostenere i prezzi del petrolio e tenere a bada la produzione di greggio statunitense. Un compito non certo semplice, che potrebbe indurre l’OPEC a rimettere mani alle proprie decisioni proprio mentre ha preso il via la graduale attenuazione dei tagli alle forniture. Ricordiamo infatti come il precedente taglio alla produzione dell’OPEC, pari a 9,7 milioni di barili al giorno, è scaduto il 31 luglio, e che dal giorno successivo il taglio è stato ridotto a 7,7 milioni di barili al giorno.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

I prezzi del petrolio sono scesi in apertura di settimana proprio a causa delle preoccupazioni per l'eccesso di offerta, considerato anche che la produzione era già aumentata di 1 milione di barili al giorno a luglio, quando i paesi del Golfo avevano posto fine ai loro tagli volontari extra.

Quel che potrebbe accadere nei prossimi mesi è dunque una sorta di ribilanciamento che l'OPEC+ dovrebbe eseguire, nell’arduo tentativo di trovare un equilibrio in un contesto in cui è necessario sostenere i prezzi ma, di contro, “tollerare” la variabile produzione americana.

Certo, rispetto al periodo più “caldo” i prezzi si sono evidentemente ripresi, ma l’attenzione deve rimanere molto alta anche dall’altra parte della direzionalità, perché se i prezzi superassero i 45 o i 50 dollari al barile proprio a causa dei tagli di produzione, questo potrebbe indurre i produttori indipendenti a stelle e strisce a riaccelerare il ritmo di propria produzione.

Insomma, siamo davanti a un tentativo precario e fragile di trovare un equilibrio di mercato, e con la grave incertezza che incombe sullo scenario economico globale, con incognite su quanto velocemente l'economia possa riprendersi, non si può che navigare a vista, o quasi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS