La crisi energetica spingerà alla povertà ampie parti del mondo

L’incapacità di affrontare una coerente ed efficiente accessibilità alle risorse energetiche rischia di far finire parti significative del mondo nella povertà e di far ristagnare l’economia globale. A sostenerlo è il ministro dell’energia degli Emirati Arabi Uniti Suhail Al Mazrouei.

L’impennata dei prezzi dell’energia ha causato una forte crescita dell’inflazione in tutto il mondo e ha innescato crisi del costo della vita sia nelle economie sviluppate che in quelle emergenti.

E così, parlando ai media in occasione del World Government Summit di Dubai, Al Mazrouei ha espresso la preoccupazione che l’attenzione globale sulla geopolitica e sulla sicurezza energetica stia portando i governi a trascurare le implicazioni a lungo termine del calo dei prezzi. Il ministro ha poi specificato come i leader dell’OPEC+ stiano cercando di mantenere l’ordine e di portare le risorse sul mercato a un ritmo gestibile, suggerendo però che questo sta diventando sempre più difficile.

Perché questo accada, abbiamo bisogno di risorse – risorse finanziarie – abbiamo bisogno di investire e abbiamo bisogno di disaccoppiare la politica dalla disponibilità e dall’accessibilità dell’energia“, ha detto Al Mazrouei. “Sono preoccupato che, considerato che stiamo mescolando le due cose, potremmo finire in una situazione in cui l’accessibilità dell’energia diventa un problema e questo porterebbe sicuramente ad una stagnazione dell’economia mondiale. Ci stiamo provando, ma non possiamo essere incolpati di tutto – stiamo facendo del nostro meglio“.

Ricordiamo come i prezzi del petrolio e del gas siano significativamente aumentati dopo l’invasione della Russia in Ucraina. Al Mazrouei ha però notato che l’attenzione in precedenza era stata posta sulla sostenibilità e la transizione energetica, che combinata con un crollo della domanda a causa della pandemia di Covid-19, ha determinato il crollo dei prezzi ai minimi storici nel 2020.

L’OPEC+ all’epoca aveva risposto con tagli di produzione record, ma Al Mazrouei ha detto che la prossima questione da affrontare, oltre a garantire l’approvvigionamento, sarà garantire l’accessibilità economica. “Sono sicuro che il prossimo sarà l’accessibilità dell’energia e delle risorse, in questo senso, perché la sicurezza alimentare sta diventando un problema e anche le materie prime industriali o i minerali stanno diventando un problema“, ha detto. “Quindi il rischio che vedo, o il pericolo, è la povertà che potrebbe portare le persone ad unirsi a questi gruppi terroristici”.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Mercati Emergenti

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.