L’economia tedesca non è verde come sembra: prossime multe dall’UE?

La Germania ha persistentemente violato i limiti comunitari sull’inquinamento atmosferico. Ad affermarlo è una odierna sentenza da parte della Corte di giustizia dell’Unione europea, che potrebbe dunque aprire le porte a sanzioni finanziarie per Berlino, qualora non riuscisse a migliorare la qualità dell’aria in diverse grandi città.

L’inquinamento atmosferico in Europa è diminuito nell’ultimo decennio. Tuttavia, rimane il più grande rischio per la salute ambientale del Continente. L’esposizione prolungata all’aria sporca può infatti causare diabete, malattie polmonari e cancro, aggravando così i costi sul sistema sanitario nazionale.

Ebbene, in questo ambito la Corte di giustizia UE ha affermato che tra il 2010 e il 2016 la Germania ha violato i limiti annuali dell’UE per l’inquinamento da biossido di azoto (NO2) in 26 zone, tra cui Berlino, Stoccarda, Monaco, Colonia e Duesseldorf.

Dunque, sostenendo l’ipotesi della Commissione Europea – che ha portato il caso alla sua attenzione – la Corte ha stabilito che il governo tedesco non ha adottato misure per garantire il rispetto delle norme UE sulla qualità dell’aria. La conseguenza è che ora la Germania dovrà conformarsi alle regole, o affrontare ulteriori azioni legali.

È pur vero, si legge ancora nelle note, che dal 2016 la maggior parte delle regioni interessate ha ridotto l’inquinamento da NO2 per rispettare i limiti dell’UE, aiutato da un passaggio verso la mobilità sostenibile e da misure locali come le restrizioni sulla guida, i limiti di velocità e il passaggio agli autobus a basse emissioni. Tuttavia, ancora nel 2020 erano sei le grandi città tedesche ad aver violato il limite medio annuale di 40 microgrammi di NO2 per metro cubo d’aria, in calo rispetto alle 90 città del 2016.

Ricordiamo altresì che secondo gli ultimi dati dell’Agenzia europea dell’ambiente le morti premature annuali attribuibili alle emissioni di NO2 nell’UE si sono più che dimezzate dal 2009, ma hanno comunque superato quota 54.000 unità nel 2018.

Rammentiamo infine come alcune precedenti sentenze della Corte scoprirono che anche Francia e Gran Bretagna erano state colpevoli di inquinamento oltre soglia da NO2, mentre Paesi come Ungheria, Svezia e Italia hanno violato i limiti di particolato.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borse Europee

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.