etoro

La variante Omicron fa paura: Borse europee in netto calo oggi

borse

Una ondata senza precedenti di casi Covid-19 sta mettendo in crisi le piazze finanziarie del vecchio Continente.

Le Borse europee sono in netto calo nella mattinata che apre la settimana, con la rapida diffusione della variante omicron Covid-19 che ha fatto scattare misure di contenimento più severe in tutto il vecchio Continente.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

E così, l’indice pan-europeo Stoxx 600 è sceso del 2% nei primi scambi, con i titoli del settore viaggi e tempo libero che hanno perso il 2,6%, trainando le perdite, anche se anche gli altri settori sono comunque scivolati in territorio negativo.

Per quanto attiene le nuove misure di contenimento assunte, i Paesi Bassi sono entrati in lockdown totale domenica fino a metà gennaio, e la possibilità che vengano imposte restrizioni più severe durante le vacanze di Natale e nel nuovo anno incombe su quasi tutti i Paesi europei in seguito a un'ondata senza precedenti di casi di Covid-19.

Da lunedì, per esempio, solo i cittadini tedeschi, i residenti e i passeggeri in transito potranno entrare in Germania dal Regno Unito, e tutti i viaggiatori in entrata dovranno comunque rimanere in quarantena per 14 giorni, indipendentemente dallo stato di vaccinazione. Restrizioni di viaggio sono state imposte anche per gli arrivi da Danimarca, Norvegia e Francia. L'Austria permetterà l'ingresso ai viaggiatori vaccinati solo a partire da lunedì.

I casi hanno iniziato ad aumentare anche negli Stati Uniti, con lo stato di New York e il Distretto di Columbia che hanno registrato casi giornalieri record per diversi giorni consecutivi.

In termini di movimento individuale dei prezzi delle azioni, l'azienda biotecnologica belga Argenx è balzata di oltre l'11% nei primi scambi dopo che la Food and Drug Administration statunitense ha approvato un farmaco di riferimento.

Di contro, guardando alle peggiori prestazioni, è la danese Novo Nordisk ad essere crollata di oltre l'11% dopo aver annunciato venerdì che non sarebbe stata in grado di soddisfare la domanda del suo nuovo farmaco per la perdita di peso, a causa di problemi di fornitura negli Stati Uniti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X