Diritti calcio italiano verso la Spagna, deluse Sky e Mediaset

Il calcio italiano parla spagnolo. E non ci riferiamo a qualche acquisto societario, bensì al fatto che come atteso in vigilia, gli spagnoli di Mediapro si sono candidati come unici intermediari per la vendita e per la valorizzazione dei diritti televisivi della Serie A per il triennio 2018-2021, grazie a un’offerta depositata ieri mattina in Lega, e in grado di superare di soli mille euro il valore minimo annuo garantito di 1,05 miliardi.

“L’assemblea della Lega Serie A riunitasi per l’apertura della busta per il pacchetto global dall’intermediario indipendente Mediapro, ha verificato che l’offerta depositata (1.050.001.000 euro), è superiore al prezzo minimo richiesto per l’invito a offrire e conseguentemente procederà alla comunicazione all’Agcom, come previsto dall’invito steso ai fini dell’assegnazione dei diritti in oggetto” – ha dichiarato la Lega in un comunicato la cui lettura non potrà che aver generato ben più di qualche insoddisfazione in Sky e Mediaset, e non solo.

Il broker iberico dovrà ora cercare di monetizzare questo “affare”, andando a costituire e lanciare un canale tematico che potrà poi essere rivenduto ai broadcaster già operativi sul mercato italiano, come Sky e Mediaset Premium, o agli operatori tlc Tim e Vodafone, oltre agli over-the-top che eventualmente si dichiarassero interessati alla ritrasmissione delle partite del massimo campionato di calcio.

Tuttavia, anche questa vicenda sembra essere ben lungi dalla sua conclusione. Sky è infatti decisa a perseguire le vie legali e, in un comunicato, ha fatto sapere di aver “diffidato la Lega serie A dall’assegnare a Mediapro i diritti audiovisivi della Serie A per le stagioni 18-21, visto che il gruppo audiovisivo spagnolo Media Pro, pur avendo presentato un’offerta allo specifico bando rivolto esclusivamente agli intermediari indipendenti, non opererebbe come un intermediario indipendente ma come un vero e proprio operatore della comunicazione”.

Che Sky abbia assunto una posizione così netta e dura non è una sorpresa: il network ha nel calcio uno dei suoi fiori all’occhiello, e che ha rilanciato le accuse sostenendo che “Mediapro intende agire a tutti gli effetti come operatore della comunicazione attivo sul territorio e nei confronti degli utenti, violando il paragrafo 5.3 del secondo invito (…) E inoltre essendo preclusa ad unico operatore della comunicazione l’aggiudicazione di tutti i diritti in esclusiva (no single buyer rule) l’assegnazione a Mediapro viola anche l’articolo 9.4 del Decreto Melandri e il paragrafo 24.b delle Linee Guida”.

Vedremo, nei prossimi giorni, cosa avverrà in questo delicata vicenda che rischia, ancora una volta, di acuirsi in termini giudiziari.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Italiana Oggi Quotazioni in Tempo Reale Azioni Indici

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.