Azioni FCA crollano prima della trimestrale ma è tutto lo Stoxx600 che va male

Azioni FCA crollano prima della trimestrale ma è tutto lo Stoxx600 che va male
© Shutterstock

Pesante contrazione per la quotazione Fiat Chrysler nel giorno dell'approvazione dei conti del quarto trimestre 2018

CONDIVIDI

Aggiornamento ore 15,00 - Il prezzo delle azioni FCA ha ulteriormente allargato il ribasso a seguito dell'avvenuta pubblicazione dei conti dell'esercizio 2018. Mentre è in corso la scrittura del post, la quotazione FCA registra un calo di oltre il 10 per cento precipitando a 13,64 euro. A determinare la corsa al ribasso del titolo FCA sul Ftse Mib oggi non è tanto la delusione per i conti dell'esercizio 2018 quanto la delusione per le stime sul prossimo anno. In pratica anche le previsioni sui risultati FCA 2019 hanno fatto proprio il sentiment negativo che ha già influenzato le prospettive sull'esercizio in corso di altri colossi dell'automotive citati nella seconda parte dell'articolo.

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

FCA conti esercizio 2018: risultati definitivi 

L'esercizio 2018 di FCA si è chiuso con ricavi pari a 115,1 miliardi di euro in aumento del 4 per cento rispetto all'esercizio 2017. In base ai conti al 31 dicembre 2018, è risultato in aumento anche il reddito operativo adjusted che è stato pari a 7,28 miliardi di euro, il 3 per cento in più rispetto agli 7,05 miliardi del 2017. Alla fine dell'anno l'utile di FCA è salito del 3 per cento a 3,63 miliardi di euro (questo parametro era pari a 3,51 miliardi alla fine del 2017). Alla fine del 2018 Fiat Chrysler non ha registrato alcun indebitamento netto industriale ma una liquidità per complessivi 1,87 miliardi di euro. Viceversa alla fine del 2017 l’indebitamento netto industriale si era attestato a quota 2,4 miliardi di euro.

FCA stime 2019 più prudenti

Il consiglio di amministrazione di FCA ha fissato per l'esercizio in corso i seguenti target: reddito operativo adjusted superiore a quota 6,7 miliardi di euro con un margine superiore al 6,1 per cento; utile netto per azione diluito adjusted ad oltre 2,7 euro per azione e free cash flow industriale stimato ad oltre 1,5 miliardi di euro, più basso rispetto ai 4,4 miliardi di euro al 2018. Proprio su questo punto appare evidente la prudenza mostrata dalla società. 

Azioni FCA e attesa trimestrale 

FCA vive malissimo l'attesa per la pubblicazione dei conti del quarto trimestre. Mentre è in corso la scrittura del post, il prezzo delle azioni FCA registra un calo del 4,4 per cento a quota 14,57 euro dopo essere sceso fino a 14,48 euro (minimo intraday) nelle scorse ore. La tendenza a vendere azioni Fiat Chrsyler è talmente forte su Borsa Italiana oggi che le azioni del Lingotto possono essere considerate le peggiori della giornata per performance. Il crollo della quotazione FCA ha determinato un restringimento della variazione positiva su base mensile che ora è poco superiore al 10 per cento. 

Considerando il fatto che oggi FCA pubblica i conti del quarto trimestre, è naturale pensare che il crollo delle azioni possa essere causato da un certo pessimismo su alcuni dei parametri 2018 della società. La realtà, però, è ben più complessa perchè il crollo della quotazione FCA avviene in una seduta caratterizzata da forti vendite per tutto il comparto automotive europeo. L'indice di riferimento del settore, lo Stoxx600 registra un ribasso di circa l'1,5 per cento. Considerando questo dato è possibile affermare che il crollo di Fiat Chrsyler su Borsa Italiana oggi è, almeno in parte, causato dall'andamento negativo di tutto il settore auto. Il sentiment ribassista è stato provocato dalla delusione per le indicazioni non brillanti sul 2019 giunte ieri dai principali players del settore.

Come messo in evidenza dal Financial Times, infatti, le big del settore automotive Toyota, Daimler e General Motors hanno lanciato un allarme sul 2019 che non ha fatto altro che alimentare il pessimismo degli investitori. Sul bando degli imputati è ovviamente finito il rallentamento della crescita economica cinese. Toyota, in particolare, ha rivisto al ribasso le stime sulle vendite di veicoli e sugli utili dell'esercizio 2018 in chiusura a marzo 2019. 

FCA previsioni esercizio 2018

Se le prospettive del settore sono peggiorate, le stime sui conti del quarto trimestre 2018 di FCA non vanno comunque sminuite. Secondo il consensus di Bloomberg, FCA dovrebbe chiudere l'ultimo trimestre dello scorso anno con ricavi pari a 29,21 miliardi di euro mentre utile ed Ebit sono visti rispettivamente a 1,12 miliardi di euro e 1,92 miliardi. Se queste previsioni dovessero avverarsi (e questo lo si saprà dopo la pubblicazione della trimestrale), FCA migliorerà la sua performance rispetto al 2017. L'ultimo trimestre del penultimo esercizio si era infatti chiuso con ricavi a 28,88 miliardi, un utile netto a 804 milioni di euro e un Ebit adjusted di 1,89 miliardi. 

A deporre a favore di una trimestrale FCA positiva sono anche le recenti parole del ceo Michael Manley che, in una intervista di poche settimane fa, si era detto soddisfatto dell'esercizio 2018 di Fiat Chrysler. A questo punto non resta che attendere i conti ufficiali della società. 

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro