Trimestrale CIR: risultati primi nove mesi 2019 e impatto sul titolo

Il gruppo CIR ha pubblicato oggi i conti dei primi nove mesi 2019. La trimestrale CIR, tra le 4 in programma oggi come risulta dal calendario settimanale trimestrali (dal 28 ottobre al 31) era la più attesa. CIR ha chiuso i primi nove mesi del 2019 con ricavi pari a 2,01 miliardi di euro, in ribasso del 2,4 per cento rispetto ai 2,04 miliardi messi a segno nello stesso periodo di un anno fa.

Il management della società ha precisato che la flessione del fatturato al 30 settembre 2019 è stata causata dalla contrazione dei ricavi di Sogefi che cono scesi del 3 per cento su base annua e dal calo dei ricavi di GEDI che hanno fatto segnare un calo del 6 per cento rispetto a un anno fa. 

Nonostante il ribasso dei ricavi, nella trimestrale CIR figurano comunque delle voci positive. E’ questo il caso del margine operativo lordo (MOL) CIR che è passato dai 234,5 milioni di euro di un anno fa a 247,4 milioni di euro. CIR ha chiuso i primi nove mesi del 2019 con un utile netto pari a 7,22 milioni di euro, in forte calo rispetto ai 32,45 milioni di euro che vennero contabilizzati nei primi nove mesi del 2018. Il crollo dell’utile netto di CIR è stato una conseguenza della prevista cessione della partecipazione in Persidera. Con l’esclusione delle voci straordinarie, l’utile netto di Sogefi sarebbe stato pari 20,3 milioni di euro, comunque al di sotto dell’utile netto messo a segno un anno fa.

Per quello che riguarda il debito, l’indebitamento netto a fine 2019 è risultato pari a 791,15 milioni di euro, in ribasso rispetto ai 297,1 milioni di euro di inizio anno. Il management ha precisato che il calo dell’indebitamento è stato un effetto dell’applicazione dei nuovi principi contabili sulla società.

Contestualmente all’approvazione dei conti dei primi nove mesi 2019, CIR non ha fornito alcun aggiornamento sulla guidance. Il management della società si è limitato a mettere in evidenza che l’andamento della holding nell’esercizio 2019 dipenderà principalmente da quello dei settori in cui operano le partecipazioni strategiche KOS, Sogefi e GEDI. Tutto rinviato, quindi.

Intanto il prezzo delle azioni CIR su Borsa Italiana oggi segna un rialzo dello 0,32 per cento a quota 0,939 euro. La reazione degli investitori alla pubblicazione dei conti di CIR, quindi, è tiepidamente positiva. Nel corso dell’ultimo mese le quotazioni CIR hanno registrato un rialzo del 2 per cento. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.