Azioni MPS sospese al ribasso su Borsa Italiana. Alta volatilità dopo la trimestrale

Avvio di contrattazioni decisamente movimentato per il titolo Monte dei Paschi di Siena nella seduta di borsa di oggi 9 maggio. La quotata toscana è stata immediatamente sommersa dalle vendite non appena è entrata in contrattazioni finendo in asta di volatilità per eccesso di ribasso. Alle ore 10,15, quindi, le azioni MPS risultavano sospese su Borsa Italiana dopo aver oscillato tra un prezzo minimo di 2,147 euro e un prezzo massimo di 2,275 euro.

Questi numeri dicono che sul titolo della banca toscana sia in atto tantissima speculazione. Allo stato attuale dei fatti non ci sono elementi per non considerare la possibilità che le azioni MPS possano restare sulla graticola per tutta la giornata. Ad alimentare la speculazione sono i conti del primo trimestre 2023 della quotata che, non a caso, sono stati pubblicati prima dell’apertura degli scambi. E qui va evidenziato che non serve essere dei grandi esperti di finanza per non mettere in correlazione la trimestrale MPS con la fredda accoglienza che i trader hanno riservato al titolo.

Prima di analizzare come è andato il primo trimestre 2023 di MPS, approfittiamo per ricordare ai nostri lettori una novità molto importante che riguarda proprio le azioni di Borsa Italiana. Da alcuni mesi con il broker eToro (qui la nostra recensione completa) si possono comprare anche le azioni italiane senza pagare commissioni. La novità sta ne fatto che in precedenza con questo broker era possibile solo speculare su titoli attraverso i CFD mentre adesso si possono acquistare le azioni vere e per giunta senza commissioni.

–COMPRA AZIONI ITALIANE REALI A ZERO COMMISSIONI CON ETORO (SITO UFFICIALE)>>

etoro zero commissioni

Trimestrale Banca MPS in dettaglio: ecco come è andata

Focus sulla trimestrale MPS, quindi, per capire perchè le azioni della banca toscana sono state addirittura sospese per eccesso di ribasso.

E allora iniziamo con l’evidenziare che MPS ha chiuso il trimestre con un margine di intermediazione primario pari a 836,2 milioni di euro, in rialzo del 20,9 per cento rispetto ai 691,7 milioni ottenuti nei primi tre mesi dell’esercizio precedente. Sempre a proposito di margini, il margine di interesse è ammontato a 504,5 milioni di euro, in crescita del 56,6 per cento rispetto ai 322,2 milioni di euro messi a segno nel primo trimestre 2022.

I vertici della banca toscana hanno evidenziato che la crescita del margine di interesse è stata possibile grazia al maggior contributo del comparto commerciale e alla crescita del contributo del portafoglio titoli della capogruppo come effetto dei maggiori rendimenti.

Scendendo nel conto economico, i ricavi complessivi di MPS sono stati pari a 878,9 milioni di euro, dato in crescita dell’11,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Variazione positiva anche per il risultato operativo netto che ha registrato un rally a 308,6 milioni di euro, un valore che si raffronta con i 135,6 milioni contabilizzati nei primi tre mesi dello scorso anno. Di conseguenza l’utile netto di Monte dei Paschi alla fine del primo trimestre 2023 è stato pari a 235,7 milioni di euro, rispetto ai 9,7 milioni contabilizzati nello stesso periodo dello scorso anno.

Per quello che riguarda il patrimonio, a fine primo trimestre i finanziamenti verso la clientela della banca toscana erano pari a 77,8 miliardi di euro, in crescita rispetto al 31 dicembre 2022. Buon segnale il fatto che le esposizioni deteriorate lorde fossero pari a 3,3 miliardi di euro, un dato che sostanzialmente stabile rispetto al 31 dicembre 2022. Sempre a fine marzo, l’esposizione netta in termini di crediti deteriorati era pari a 1,6 miliardi di euro, in ribasso rispetto al 31 dicembre 2022 quando era pari a 1,7 miliardi di euro e rispetto al 31 marzo 2022 quando invece ammontava a 2 miliardi di euro.

Per quello che riguarda i ratio patrimoniali, il Common Equity Tier 1 Ratio della banca al 31 marzo era attestato al 14,4 per cento, un valore in calo nel confronto con i 15,6 per cento di fine 2022. Alla stessa data il Total Capital Ratio era invece pari al 18 per cento, in calo con il valore di 19,5 per cento registrato a fine 2022.

Proprio questo valore potrebbe essere alla base della delusione degli investitori che hanno reagito vendendo azioni MPS fino alla sospensione del titolo.

Ad ogni modo va tenuto presente che Banca MPS è cresciuta tanto nell’ultimo mese (+12 per cento la performance) e quindi il ribasso di oggi alla fine potrebbe solo essere una pausa di riflessione.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo NO
Fino al 3,6% annuo per depositi in EUR
Broker quotato al NASDAQ
Ampia selezione di azioni, ETF e opzioni su azioni
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Banca MPS

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.