Dividendi Borsa Italiana: stacchi lunedì 21 novembre e migliori rendimenti

stacco dividendi Ftse Mib

Lunedì 21 novembre 2022 torna l’appuntamento con lo stacco dei dividendi. A fare felici i rispettivi azionisti e investitori saranno ben 8 quotate del Ftse Mib a cui si affiancheranno anche 2 quotate del segmento Star di Borsa Italiana e una del MidCap. In questo post rivolgeremo la nostra attenziono solo ai titoli del paniere di rifermento di Piazza Affari che saranno impegnati con lo stacco della cedola.

Cosa puoi trovare nell’articolo?

Ovviamente i nomi delle quotate che lunedì staccano il dividendo. Inoltre non mancherà anche l’indicazione della tipologia di cedola e il suo ammontare. Per finire l’informazione più preziosa: il rendimento del dividendo (calcolato sulla base del prezzo delle azioni al termine della seduta di borsa di ieri 17 novembre 2022).

Prima di iniziare a scendere nel dettaglio, ricordiamo ai nostri lettori che oggi è possibile acquistare azioni senza commissioni grazie al broker eToro. In più, con questa piattaforma, si può iniziare ad operare a partire da un deposito minimo di partenza di soli 50 dollari.

Con eToro si possono comprare azioni a zero commissioni>>>clicca qui per iniziare

etoro zero commissioni

Stacchi dividendi Borsa Italiana lunedì 21 novembre: le quotate coinvolte

Vediamo subito quali sono i titoli del Ftse Mib che il prossimo lunedì staccheranno la cedola e l’ammontare del dividendo. In rigoroso ordine alfabetico abbiamo:

  • Banca Mediolanum: 0,24 euro
  • Eni: 0,22 euro
  • Intesa SP: 0,0738 euro
  • Mediobanca: 0,75 euro
  • Poste Italiane: 0,21 euro
  • Recordati: 0,55 euro
  • Tenaris: 0,165 euro
  • Terna: 0,1061 euro

Per quello che riguarda la tipologia del dividendo in stacco, è vero che l’appuntamento di novembre è solitamente riservato agli acconti, tuttavia, questa regola non è sempre valida. Più nel dettaglio a staccare il prossimo lunedì l’acconto sul rispettivo dividendo saranno Banca Mediolanum, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane, Recordati, Tenaris e Terna.

Eni invece staccherà la seconda tranche del dividendo 2023, relativo all’esercizio 2022, mentre Mediobanca staccherà l’intera cedola. Insomma il programma degli stacchi di lunedì è decisamente composito. Una buona occasione per i trader che sono alla ricerca di titoli su cui investire. E proprio a tal riguardo ricordiamo ancora che con il broker eToro è possibile acquistare azioni senza commissioni (vai sul sito ufficiale per aprire il tuo conto).

Essendoci in stacco ben 8 dividendi del Ftse Mib (tra acconti, seconde tranche e cedole complete), potrebbe essere difficile avere un metro di giudizio per capire dove orientarsi. Giusto tenere conto dell’ammontare effettivo della cedola ma, lato operativo, a fare la differenza è soprattutto il rendimento ossia il dividend yield. Vediamo quindi quali sono i migliori.

Migliori dividend yield tra gli stacchi di lunedì 21 novembre 2022

Considerato il prezzo di chiusura nella seduta di borsa del 17 novembre, i migliori rendimenti garantiti dai dividendi in stacco il prossimo lunedì’ saranno:

  • Banca Mediolanum: 2,99 per cento
  • Eni: 1,56 per cento
  • Intesa SP: 3,39 per cento
  • Mediobanca: 7,46 per cento
  • Poste Italiane: 2,20 per cento
  • Recordati: 1,40 per cento
  • Tenaris: 1,01 per cento
  • Terna: 1,48 per cento

Tra tutti quelli previsti, sembra essere molto goloso il dividend yield di Mediobanca ma va tenuto conto che Piazzetta Cuccia stacca l’intera cedola e non un acconto. Ad ogni modo, il focus sarà sugli acconti di Poste Italiane e di Intesa Sanpaolo.

Tutti i dividendi in stacco il prossimo lunedì verranno poi messi in pagamento il mercoledì successivo. Ricordiamo che essendo ben 8 le quotate del Ftse Mib alle prese con l’appuntamento, è scontato che ci possa essere un discreto impatto perlomeno sull’apertura degli scambi che, con tutta probabilità, sarà zavorrata dalle cedole.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Le ultime news su Borsa Italiana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.