Dividendo Tenaris 2023: c’è l’acconto. Conti primi 9 mesi positivi. Volatilità sulle azioni

titolo Tenaris

Buone notizie per i possessori di azioni Tenaris. Il consiglio di amministrazione della quotata del settore petrolifero, nell’ambito dell’approvazione dei conti dei primi 9 mesi 2022, ha deliberato la concessione di un acconto sul dividendo 2023 (relativo all’esercizio 2022) della società. La decisione di concedere una remunerazione a titolo di acconto, normale alla luce dei precedenti storici della quotata in relazione a questo punto, è scaturita dagli ottimi conti dei primi 3 trimestri della società.

In questo articolo esamineremo i risultati di Tenaris nei primi 9 mesi 2022 focalizzandoci anche sulle stime per l’intero esercizio e sull’ammontare dell’acconto dividendo. Partiamo proprio da quest’ultimo punto.

Acconto dividendo Tenaris 2023: ammontare e data di stacco

L’acconto sul dividendo Tenaris c’è sempre stato. Quello relativo all’esercizio 2022 è però decisamente interessante. Il management della quotata ha infatti deciso di proporre la distribuzione di una cedola a titolo di acconto pari a 0,17 euro per azione, per un ammontare complessivo di 201 milioni di dollari.

Due la date che i possessori di azioni Tenaris devono segnare sul calendario: il 21 novembre e il 23 novembre. Il 21 novembre è previsto lo stacco dell’acconto dividendo Tenaris 2023 mentre mercoledì 23 è il giorno del pagamento della cedola.

Trimestrale Tenaris: conti primi 9 mesi 2022

Tenaris ha chiuso i primi 3 trimestri dell’esercizio 2022 con un forte miglioramento del fatturato e della redditività grazie principalmente all’aumento dei volumi di vendita e al rialzo dei prezzi delle tubazioni.

Più nel dettaglio, i ricavi di Tenaris son stati pari a 8,14 miliardi di dollari, in aumento dell’82 per cento rispetto ai 4,46 miliardi che erano stati realizzati nello stesso periodo dell’anno precedente. In forte progressione la marginalità che è salita dal precedente 19,6 per cento al 29,2 per cento. Scendendo nel conto economico, il risultato operativo di Tenaris è quindi passato da 434,19 milioni a 1,95 miliardi di dollari e di conseguenza l’utile netto si è attestato a 1,75 miliardi di dollari, nettamente sopra i 730,16 milioni contabilizzati nello stesso periodo di un anno fa.

Nel solo terzo trimestre i ricavi di Tenaris sono saliti del 70 per cento passando da 1,75 miliardi a 2,98 miliardi di dollari mentre l’utile netto ha registrato una progressione da 329,87 milioni a 606,07 milioni di dollari.

Per quello che riguarda il patrimonio, a fine settembre 2022 la posizione finanziaria netta era positiva per 700 milioni di dollari, in linea con il livello di inizio anno.

Vuoi sfruttare i conti trimestrali di Tenaris per investire sulla quotata? Ti ricordiamo che con il broker eToro si possono acquistare azioni senza commissioni. E in più il deposito minimo iniziale per operare è di soli 50 dollari.

Con eToro si possono comprare azioni a zero commissioni>>>vai sul sito del broker

Tenaris previsioni esercizio 2022

Lo abbiamo già detto in precedenza. Il consiglio di amministrazione di Tenaris, oltre ad approvare i conti dei primi 9 mesi, ha anche fornito alcune indicazioni sull’esercizio in corso. Al termine dell’anno dovrebbe emergere una ulteriore crescita delle vendite grazie all’aumento delle forniture e a ulteriori aumenti dei prezzi. Anche l’Ebitda margin della quotata dovrebbe continuare a beneficiare di una maggiore leva operativa mentre il flusso di cassa è visto in miglioramento.

Da queste informazioni si deduce che l’ultimo trimestre 2022 di Tenaris dovrebbe essere positivo. Un motivo più che valido per considerare la possibilità di esporsi sul titolo.

Oggi il prezzo delle azioni Tenaris presenta una discreta volatilità. Dopo un avvio di scambi in ribasso, le quotazioni si sono appiattite per poi passare in verde. Successivamente, però, il titolo è di nuovo tornato in rosso.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Le ultime news su Tenaris

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.