Previsioni petrolio febbraio 2018, stock americani in crescita

petrolio

Crescono ancora le produzioni di shale oil negli Stati Uniti: "colpa" del super WTI.

CONDIVIDI

Il Dipartimento dell’energia degli Stati Uniti (DOE) ha riferito che la scorsa settimana gli stock di greggio negli Stati Uniti sono aumentati molto più di quanto non fosse stato previsto dalle stime di consenso riportate da Bloomberg, quale conseguenza di una incrementata produzione domestica, e di maggiori importazioni.

Ne deriva che le scorte di greggio sono aumentate di 6,78 milioni di barili (mb) a 418,36 mb (+ 1,6% su settimana, - 15,4% su anno) rispetto a un'espansione attesa di 0,9 mb. A Cushing, le scorte sono diminuite da 2,22 mb a 37,02 mb (-5,7% su settimana, -42,3% su anno). Gli stock di benzina sono inaspettatamente in flessione, con un calo da 1,98 mb a 242,06 mb (-0,8% su settimana, -5,8% su anno) rispetto a 2,00 mb di espansione prevista. Le scorte di distillati sono invece diminuite più del previsto, calando di 1,94 mb a 137,90 mb (-1,4% su settimana, -19,2% su anno), mentre era attesa una contrazione di 0,7 mb.

Passando all’import, le importazioni statunitensi sono cresciute di 389 mb a 8,43 mb / g (+ 4,8% su settimana, + 1,7% su anno). La produzione negli Stati Uniti è aumentata di 41 mb a 9,919 mb / g (+ 0,4% su settimana, + 11,3% su anno), il livello più alto da quando il DOE ha iniziato a pubblicare i propri dati settimanali. Durante le ultime quattro settimane, lo stock totale è stato di 20,77 mb (+ 7,5% su anno), la benzina era di 8,81 mb (+ 7,1% su anno), l'olio distillato era 4,18 mb (+ 13,3% su anno).

Contestualmente, proprio ieri, la US Energy Information Administration (EIA) ha riferito come la produzione mensile di greggio negli Stati Uniti sia salita a 10.038 mb / g (novembre 2017), per il livello più alto dal mese di novembre del 1970, con il forte aumento del prezzo del greggio WTI che ha prevedibilmente alimentato le attività di perforazione.

Le previsioni suggeriscono ora che il greggio degli Stati Uniti possa raggiungere una media di 10,3 milioni di barili al giorno quest'anno e di 10,9 milioni di barili al giorno nel 2019, sopra l'attuale produzione dall'Arabia Saudita (di circa 10 mb / g) e vicino alla produzione attuale dalla Russia (circa 11 mb / g).

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

iqoptions