Guerra commerciale sempre più intensa, i mercati cedono terreno

Azioni in calo, dollaro in aumento e materie prime incerte: è questo quanto accaduto nella giornata di ieri, caratterizzata dall’acuirsi delle tensioni all’interno della crescente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

Per quanto concerne i mercati azionari, si noti come l’indice S & P 500 ha chiuso il rally più lungo da un mese a questa parte dopo che l’amministrazione Trump ha annunciato che avrebbe inasprito le tariffe su altri 200 miliardi di dollari di prodotti cinesi. Di contro, la Cina non ha potuto far altro che rispondere a tono, promettendo “vendette”: i metalli hanno sopportato faticosamente una reazione nelle materie prime, ben attesa: rame, nichel e zinco hanno perso terreno.

Le azioni maggiormente sensibili al commercio internazionale hanno inoltre condotto una flessione non sottovalutabile, con Caterpillar e Boeing che hanno subito un vero e proprio crollo, come peraltro accauto a Freeport-McMoRan Inc. e Deere & Co. Le azioni dei mercati emergenti sono diminuite mediamente di oltre l’1%, mentre sulle commodity il greggio è calato a 72 dollari al barile a New York.

Sul Forex, dollaro in aumento ai massimi da una settimana a questa parte, mentre i rendimenti dei Treasury a 10 anni sono cresciuti dopo che i prezzi all’ingrosso degli Stati Uniti sono saliti a giugno di un ritmo massimo per gli ultimi sei anni.

“Con le notizie tariffarie che si muovono ancora una volta in modo prioritario, la reazione del mercato ha sottolineato l’incertezza globale degli impatti delle tariffe sull’economia e sulla redditività aziendale”, ha affermato Ernie Cecilia, Chief Investment Officer di Bryn Mawr Trust Co. “Evidenzia inoltre chiaramente che i movimenti di mercato a breve termine, a livello di indice, sono trainati più dai titoli che dagli altri asset” – ha prosguito.

Insomma, la nuova tappa della guerra commerciale ha infranto la calma momentanea nei mercati, vissuta negli ultimi giorni, e che aveva consentito agli investitori di concentrarsi sui guadagni. La crescita economica aveva spinto l’S & P 500 alla chiusura più alta da febbraio ad oggi. Cosa accadrà, ora?

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.