Trimestrali Wall Street: i risultati di JP Morgan e Citigroup nel secondo trimestre 2018

Trimestrali Wall Street: i risultati di JP Morgan e Citigroup nel secondo trimestre 2018
© iStockPhoto

A Wall Street oggi le azioni JP Morgan e quelle di Citigroup subiscono gli effetti della valutazione dei rispettivi conti trimestrali

CONDIVIDI

E' iniziata in Usa la stagione delle trimestrali con i conti del secondo trimestre 2018 delle grandi banche. A comunicare al mercato oggi i risultati del secondo trimestre sono state JP Morgan e Citigroup.

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

Inizia con un conto demo da 100.000€ per fare pratica sul trading. In più anche segnali di Trading Gratis. Clicca qui

JP Morgan ha registrato alla fine del secondo trimestre 2018, un forte aumento dei profitti che sono saliti del 18,3% battendo in modo chiaro le attese degli analisti che si fermavano ad un +9,4%. Non solo i profitti ma anche l'utile netto trimestrale di JP Morgan è risultato molto forte. Il parametro, infatti, è stato pari a 8,316 miliardi di dollari, valore che corrisponde ad un EPS di 2,29 dollari per azione. Il confronto con i risultati dello stesso periodo di un anno fa è categorico. Il secondo trimestre 2017 di JP Morgan si era infatti chiuso con un utile pari a 7,029 miliardi vale a dire 1,82 dollari per azioni. Stracciate le attese del consensus che erano ferme a 2,22 dollari per azione. Nel complesso il giro d'affari di JP Morgan nel secondo trimestre è aumentato del 6% salendo a 28,38 miliardi di dollari contro i 28,6 miliardi del secondo trimestre 2017. Jamie Dimon, amministratore delegato di JP Morgan, ha commentato in questi termini la trimestrale: "Vediamo una buona crescita economica globale, soprattutto nella performance sottostante di tutte le nostre attività. La società ha messo a segno risultati record, anche in un contesto di maggiore competizione a livello globale".

Se JP Morgan ride, Citigroup comunque non piange. La banca ha chiuso il secondo trimestre dell'anno con un utile netto pari a 4,49 miliardi di dollari, valore che corrisponde a circa 1,63 dollari per azione. L'incremento del parametro è stato di circa il 16% rispetto ai 3,87 miliardi di dollari che Citigroup conseguì nello stesso periodo dello scorso esercizio. Il consensus aveva previsto un EPS pari a 1,56 dollari alla fine del secondo trimestre. In aumento anche i ricavi trimestrali di Citigroup che sono saliti del 2% a 18,47 miliardi di dollari. La progressione è stata più bassa delle attese degli analisti che avevano previsto un dato pari a 18,51 miliardi di dollari.

L'amministratore delegato di Citigroup Micheal Corba ha commentato in questi termini la trimestrale di Citi: "I risultati dimostrano il buono slancio del franchise. Siamo saldamente posizionati sulla via giusta per raggiungere i target finanziari previsti".

Mentre è in corso la redazione di questo post la quotazione Citigroup è in ribasso del 2,4% mentre il prezzo delle azioni JP Morgan è in rialzo dello 0,9%. Gli investitori, quindi, comprano JP Morgan e vendono Citigroup. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
+