Skin ADV

Wall Street crolla ai minimi 2018: Borsa Italiana oggi pagherà sell-off?

Wall Street crolla ai minimi 2018: Borsa Italiana oggi pagherà sell-off?
© Shutterstock

Pesante ribasso per la borsa di Wall Street che ha praticamente polverizzato tutti i guadagni del 2018

Il nuovo crollo della borsa di Wall Street ha comportato la cancellazione di tutti i guadagni registrati nel corso del 2018. E' stato questo il risultato del pesante sell-off che ha interessato l'azionariato americano per poi estendersi anche alle borse asiatiche. Ovviamente, a causa del crollo della borsa Usa, le previsioni su Borsa Italiana e sulle borse europee sono ora molto negative. Per capire come posizionarsi sull'azionariato italiano in vista dell'opening bell di oggi, è utile capire quelli che sono stati i motivi alla base del crollo della borsa Usa. Del resto l'entità del calo non lascia spazio ad interpretazioni. Al termine di una giornata di forti vendite, il Nasdaq ha perso il 2,27 per cento, l’S&P 500 il 2,08 per cento e il Dow Jones ha rimediato un calo del  2,11 per cento.



✅  CONTO CORRENTE ZERO SPESE CON N26 — Carta Conto con IBAN Gratuita + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. 🔝 Ricevi la tua carta MASTERCARD, puoi accreditare lo stipendio e fare bonifici bancari in 19 valute. Scopri tutte le caratteristiche sul sito ufficiale >>
✅  CONTO CORRENTE ZERO SPESE CON N26Carta Conto con IBAN Gratuita + Bonus fino a 150€ invitando i tuoi amici. 🔝 Ricevi la tua carta MASTERCARD, puoi accreditare lo stipendio e fare bonifici bancari in 19 valute. Scopri tutte le caratteristiche sul sito ufficiale >>

Il nuovo crollo di Wall Street era nell'aria da tempo. E' dal mese di settembre, infatti, che la borsa americana sembra essere in preda alal volatilità dopo aver bucato tutti i record possibili e immaginabili. Il ribasso accumulato dagli indici di Wall Street è talmente esteso che se non ci dovesse essere un recupero, il 2018 potrebbe essere destinato ad essere ricordato come l’anno peggiore dopo la grande crisi finanziaria del 2008.

La corsa a vendere azioni a Wall Street è stata determinata da una serie di fattori diversi: dai dati macro molto deboli (Empire State manufacturing index e clima tra i costruttori americani al di sotto delle attese), alle negative notizie per quello che riguarda l'Obamacare. A complicare ancora di più il contesto di fondo sono state poi le solite dichiarazioni del presidente americano Trump. Il capo di Stato ha affermato su Twitter che l'idea che la FED proceda con un nuovo aumento tassi di interesse nella riunione di domani 19 dicembre, sarebe incredibile. Secondo gli analisti, il nuovo aumento del costo del denaro da parte della Federal Reserve sarebbe invece del tutto scontato. 

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro