Prezzo petrolio e caos in Venezuela: trend resta rialzista ma attenzione a possibili dietrofront

Prezzo petrolio e caos in Venezuela: trend resta rialzista ma attenzione a possibili dietrofront
© Shutterstock

La quotazione del petrolio continua a muoversi su un trend impostato al rialzo nonostante le tensioni in Venezuela

CONDIVIDI

Essendo uno dei più importanti paesi produttori di petrolio, è quasi fisiologico che la crisi che spacca e sconvolge il Venezuela venga guardata con molta attenzione da chi ha scelto di investire sul prezzo del petrolio. Mentre è in corso la scrittura del post, la quotazione petrolio continua a registrare un rialzo. Il prezzo del greggio WTI è in aumento dell'1,28 per cento a 53,81 dollari al barile mentre la quotazione del greggio Brent è in rialzo dell'1,08 per cento a 61,65 dollari al barile. L'incremento delle quotazioni del petrolio è il segnale che la tendenza rialzista da tempo in atto sul greggio non era stata mai messa in discussione nonostante la recente debolezza delle quotazioni. 

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Poichè il Venezuela è oggi il paese che detiente le maggiori riserve di petrolio al mondo è evidente che studiare l'andamento del prezzo del petrolio in tempo reale significa avere la possibilità di capire quale sia il sentiment degli investitori nei confronti del paese sudamericano. 

Politica e finanza, quindi, si fondono l'una con l'altra e finiscono per il confondersi tra di loro. Dal punto di vista politico la posizione del presidente Maduro è sempre più debole sia all'interno che all'esterno del paese. Molte nazioni hanno infatti riconosciuto Juan Guaido come legittimo presidente ad interim del Venezuela. Ovviamente tra i paesi che hanno subito riconosciuto Guaido ci sono gli Stati Uniti ma anche tante nazioni del sud America. Insomma il Venezuela appare isolato e la reazione dell'andamento del prezzo del petrolio è il segnale che ai mercati l'evoluzione della crisi nel paese martoriato da una crisi economica senza precedenti piace. 

Dal punto di vista finanziario, però, non è possibile affermare che da qui a breve possa essere una stabilizzazione ulteriore del prezzo del greggio proprio perchà la situazione in Venezuela appare ancora molto fluida. Tutto è possibile anche perchè non ancora molto chiaro quella che è la posizione della forze armate del paese. 

Come investire sul prezzo del petrolio con la crisi in Venezuela? In linea di principio la situazione è la seguente: considerando che l'OPEC ha tagliato la produzione di petrolio pesante, considerando che il Canada ha tagliato le forniture di questo tipi di greggio e considerando la posizione dell'Iran, ogni taglio alla produzione di petrolio da parte del Venezuela avrebbe come immediato effetto la contrazione dell'offerta e quindi dell'approviggionamento. Il fatto è che il Venezuala, rispetto al passato, ha già tagliato la produzione di petrolio in modo del tutto volontario e a causa delle difficoltà di estrazione e lavorazione, a loro volta causate dalla crisi economica. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro