Il crollo del prezzo del petrolio inizia ad indisporre alcuni tra i paesi maggiori produttori di greggio. In particolare l’Arabia Saudita avrebbe manifestato crescenti segnali di insoddisfazione verso il mancato contenimento della caduta del greggio. E’ proprio da ricercare in questo retroscena il tentativo di recupero che il prezzo del greggio ha recentemente avviato. 

Questa mattina la quotazione petrolio, reduce dalla terribile giornata di ieri, sembra aver imboccato la strada del rimbalzo. Il problema è quello di stabilire l’effettiva capacità del greggio di invertire la tendenza ribassista. Mentre è in corso la redazione del post, il petrolio WTI registra una progressione del 3,09 per cento a quota 52,67 dollari al barile mentre il greggio in versione Brent segna un rialzo del 2,77 per cento a quota 57,80 dollari al barile. Sia nel caso del contratto sul Brent che per quanto riguarda il contratto sul WTI, i dati di oggi sembrano essere distanti anni luce da quelli di ieri. Appena 24 ore fa, infatti, il prezzo del petrolio era in caduta libera. 

Francamente in pochi avrebbero scommesso ieri pomeriggio sulla capacità della quotazione del greggio di arrestare il ribasso. Questo perchè proprio nella seconda metà della giornata di ieri erano stati diffusi i dati era stati diffusi i dati EIA sulle scorte di petrolio in Usa. Il market mover aveva registrato un aumento di 2,385 milioni di barili contro il calo di 2,845 milioni di barili che era stato pronosticato dagli analisti nel consensus. Teoricamente un incremento delle scorte di greggio Usa avrebbe potuto allargare il ribasso delle quotazioni oil WTI e Brent. Questo non solo non si è verificato ma anzi il prezzo del petrolio ha ripreso a salire.

Questo andamento non è stato casaule. A bloccare il crollo del greggio e ad invertire la rotta delle quotazioni è stato un report degli analisti di Bloomberg secondo il quale l’Arabia Saudita sarebbe scesa in campo con pressioni sugli altri paesi produttori al fine di arrivare ad un taglio dei livelli di offerta. 

Il senso di quanto avvenuto è molto chiaro: i sauditi non accettano che i prezzi del greggio si indeboliscano eccessivamente e sono pronti a scendere in campo. Il report di Bloomberg non fa riferimento all’entità della proposta dei sauditi. Quello che èerò è certo è che Riad non è assoluramente più disposta a stare a guardare mentre Brent e WTI registrano cali sempre più forti. Evidentemenet ad un mercato in pena questo è bastato. 

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.