Investire su Tesla nel 2020: un successo o… un fallimento da evitare?

Nel 2020 le azioni Tesla potrebbero tagliare nuovi record di capitalizzazione o… precipitare nel vuoto. Con gli analisti che stanno assumendo posizioni sempre più polarizzate nei confronti della società di Elon Musk, non stupisce leggere che uno di essi, il CEO di New Constructs, David Trainer, definisca Tesla l’azione più pericolosa di Wall Street, affermando che i suoi fondamentali non supportano un prezzo e una valutazione così elevati.

Qualunque sia lo scenario migliore che si voglia dipingere per quello che la Tesla sta per fare – se produrrà 30 milioni di auto nei prossimi 10 anni, se entrerà nel business delle assicurazioni e se avrà gli stessi alti margini della Toyota, la più efficiente azienda automobilistica di tutti i tempi – anche se si crede che tutto ciò sia vero, il prezzo delle azioni sta ancora implicando che i profitti saranno ancora maggiori“, ha dichiarato il top manager alla Cnbc, tornando su un argomento molto noto a tutti gli investitori che analizzano periodicamente il titolo Tesla: la sua presunta sopravalutazione.

Trainer ha in particolar modo osservato che il prezzo delle azioni implica una quota di mercato compresa tra il 40% e il 110% sulla base del prezzo medio di vendita. Al suo attuale prezzo di vendita medio di 57.000 dollari e ipotizzando 10,9 milioni di vendite di auto entro il 2030, ciò implica una quota di mercato del 42%, dice Trainer.

Dunque, Trainer è stato ancora più esplicito, definendo Tesla come un castello di carte che potrebbe essere pronto a crollare. Ha poi aggiunto che il suo recente stock split potrebbe rivelarsi pericoloso per i nuovi investitori che entrano sul mercato. “I frazionamenti azionari sono irrilevanti per il valore. Non cambiano le dimensioni, ma le dividono in più pezzi. Onestamente, considero lo stock split come un modo per attirare più investitori inconsapevoli nel tentativo di inseguire questo stock e questa non è una vera strategia“, ha detto Trainer.

Ricordiamo che Tesla ha diviso le sue azioni in un rapporto di 5:1 il 31 agosto. Da quel momento in poi le azioni hanno dapprima aumentato del 12%, e poi perso più del 5% dopo che il maggiore azionista “esterno” della società, Ballie Gifford, ha ridotto la sua quota.

Ma allora quanto dovrebbe valere realmente Tesla? Per Trainer, una valutazione pari a circa un decimo di quella odierna potrebbe essere un valore appropriato in un contesto di livello ragionevole dei profitti.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo