Prezzo petrolio previsioni: in vista dell’OPEC+ 6 fattori da considerare

Il prossimo 30 novembre si terrà un’attesissima riunione dell’OPEC a cui farà poi seguito il successivo 1 dicembre la riunione dell’OPEC+. Come poter sfruttare questi due eventi per investire sulla quotazione petrolio? Solitamente nel periodo precedente al summit, si tende a sfruttare le indicazioni che la Commissione Ministeriale Congiunta di Vigilanza dell’OPEC+ fornisce circa 10 giorni prima dell’avvio del vertice.

Sulla base di tali indicazioni si decide se conviene speculare su un rialzo del prezzo del petrolio oppure se è meglio puntare su un ribasso del valore delle quotazioni e quindi vendere. Tra l’altro, in entrambi i basi, si può operare comodamente da una sola piattaforma grazie al CFD Trading. Ad esempio puoi andare long o short utilizzando il broker eToro (leggi qui la recensione completa) che ti fornisce la demo gratuita da 100 mila euro per imparare ad operare senza rischi. 

Trading CFD sul petrolio: demo gratis eToro da 100.000€ >>> clicca qui

eToro pratica

Il problema del posizionamento in vista del summit OPEC di fine novembre è che dalla Commissione non è giunta alcuna indicazione. L’organo non ha fornito alcun consiglio ufficiale in attesa del board. Il problema non è solo dei rappresentanti dei produttori che saranno chiamati a vedersela tra loro direttamente durante la riunione ma anche degli investitori. Come investire sul petrolio in attesa del vertice OPEC+? 

Secondo un articolo molto interessante pubblicato da Ellen R Wald PhD su Investing.com, sono 6 i drivers che potrebbero condizionare la quotazione petrolio nel medio termine.

Sei elementi, scrive l’analista, di cui i traders dovrebbero tenere debitamente conto nelle loro valutazioni. Prima di iniziare a fare trading sul petrolio (qui il sito ufficiale eToro) è quindi consigliabile leggere cosa la Ellen R Wald PhD ha da dire a proposito di questi sei punti. 

  1. Un eventuale rinvio dell’aumento della produzione di petrolio sarebbe giustificabile solo dall’intenzione di evitare un impatto negativo sul valore del greggio
  2. Nel caso in cui l’OPEC+ dovesse decidere di rinviare l’aumento della produzione, chi investe sul petrolio dovrebbe porsi due domande: il rinvio dell’aumento sarà di 3 oppure di 6 mesi? Se il rinvio di dovesse essere, esso sarebbe in grado di tenere sotto controllo il prezzo del greggio impedendo ai valori di scendere? 
  3. Quale sarà la posizione della Russia? Mosca, ad oggi, sembra essere possibilista circa il rinvio dell’aumento della produzione di 2 milioni di barili a giorno ma non è invece chiaro cosa pensi la Russia delle tempistiche ovvero fino a quando Mosca è disposta ad accettare questo rinvio?
  4. Una eventuale stabilità di mercato sarebbe possibile solo nel caso in cui ci dovesse essere un accordo in sede di Opec+ su un rinvio più lungo rispetto ad uno minimo
  5. Quale sarà l’impatto dell’aumento della produzione di petrolio da parte della Libia? Il peso di Tripoli era scarso fino a pochi mesi fa e adesso i produttori devono fare i conti con il ritorno ai quartieri che contano anche dalla disastrada Libia
  6. Cosa affermano le aspettative del mercato ad oggi? 

Le risposte a questi sei punti, secondo l’analista, possono aiutare a capire quale possa essere la direzione del greggio nei prossimi mesi e di conseguenza possono aiutare il trader a capire se sul greggio conviene andare long o short attraverso i CFD. Visto che la situazione non è per nulla chiara, sarebbe prudente iniziare a fare trading in modalità demo prima di passare a soldi reali. Per operare si può scegliere ad esempio il broker Plus500 che offre la demo gratuita. 

Demo gratis Plus500 per comprare/vendere CFD petrolio>>>clicca qui

Plus500 Materie Prime

Tra i vari punti citati dall’analista, il sesto è tra quelli più determinanti. L’attuale prezzo del greggio ha messo in  conto un rinvio dell’aumento della produzione di tre mesi. In altre parole i prezzi rispecchiano questa decisione. Se l’OPEC+ dovesse decidere di non rinviare l’aumento e di farlo invece scattare all’inizio del nuovo anno, è ipotizzabile una immediata flessione dei prezzi che può essere sfruttata facendo short trading attraverso i CFD Petrolio (qui il sito ufficiale eToro)

Esito opposto se il summit dei paesi produttori dovesse invece decidere di rinviare tutto di 6 mesi. In questo caso, infatti, i prezzi salirebbero ma attenzione perchè la progressione non sarebbe comunque definitiva. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.