Cosa sta succedendo al prezzo del petrolio? L’andamento dei grafici ha rappresentanto un brusco ritorno alla realtà per chi, la scorsa settimana, aveva ipotizzato il possibile avvio di una fase di ritracciamento con prezzi più vicini a 100 dollari al barile anzicchè ad oltre 110 dollari al barile.

Le quotazioni di questa mattina, infatti, non fanno sconti. Il prezzo del petrolio Brent è in rialzo del 3,4 per cento a quota 111,6 dollari al barile mentre il WTI segna una progressione del 3,7 per cento a 108 dollari.

Dietro al ritorno massiccio del verde c’è sempre la questione ucraina con annessa crisi geopolitica internazionale. Come hanno messo in evidenza alcuni analisti, solo novità concrete sul processo di pace e la fine delle ostilità tra Russia e Ucraina potrebbero bloccare l’avanzata del greggio e quindi riportare i prezzi sottocontrollo. 

Il ritorno degli acquisti ha avuto come effetto collaterale il rilancio di tutte quelle indiscrezioni (già circolate nelle scorse settimane) circa la possibililità che il greggio possa raggiungere nel breve termine quotazioni allucinanti come ad esempio 200 dollari al barile. 

La domanda che ci poniamo in questo articolo è la seguente: è davvero possibile che il prezzo del petrolio possa salire fino a 200 dollari al barile? Che possibilità ci sono che questo scenario possa concretizzarsi? Prima di rispondere a queste domande, ricordiamo che per investire sul petrolio non è ovviamente necessario comprare barili fisici.

Il modo più semplice per operare è attraverso i Contratti per Differenza. I CFD sono strumenti derivati che riflettono l’andamento del valore del greggio. Con i CFD si può investire sia al rialzo (long) che al ribasso (short). In entrambi i casi, comunque, è consigliabile fare prima pratica con un conto demo gratuito come quello offerto da eToro

Impara a fare CFD Trading sul petrolio con la demo eToro>>>clicca qui per avere l’account dimostrativo

Prezzo petrolio a 200 dollari al barile: le previsioni 

Secondo Goldman Sachs il prezzo del petrolio potrebbe salire nel breve termine fino a 175 dollari al barile. Dietro ad un rally verso un simile target ci sono fattori di esclusivo dominio macro che, però, trovano supporto anche nell’analisi tecnica. In caso di accelerazione del prezzo del greggio, infatti, un primo target potrebbero essere i 133,97 dollari al barile. La rottura di questo livello avrebbe come conseguenza una ulteriore accelerazione con un rialzo che si potrebbe spingere fino a 174 dollari al barile, praticamente l’obiettovo messo nero su bianco da Goldman Sachs nelle sua previsioni sulla quotazione del petrolio.

Il rally, però, potrebbe non finire neppure con il raggiungimento del target indicato da GS. Infatti se la tensione tra Russia ed Occidente dovesse restare molto alta (con conseguente incremento delle ostilità sul campo) non è da escludere un allungo anche fino a 214 dollari. Certamente soprattutto il terzo target sembra essere alquanto fantasioso ma non è comunque da escludere alla luce della situazione in atto. Un eventuale embargo contro il petrolio russo (fortemente voluto dagli Stati Uniti ma non avvallato dall’Europa visto che l’UE dipende dalla Russia per molte fonti energetiche) avrebbe come effetto un rally devatante dei prezzi. 

Apri un conto demo eToro e impara a fare CFD trading sul petrolio>>>è gratis

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.