comprare azioni amazon

La seduta di borsa di ieri ha portato gloria anche alle azioni Amazon. Il titolo del noto e-commerce ha mandato in archivi le contrattazioni con una progressione del 4,5 per cento attestandosi a quota 121 dollari. Grazie al rialzo, Amazon ha ulteriormente migliorato la performance relativa agli ultimi 5 giorni che adesso è positiva per il 6 per cento. Restano invece fortemente negative le variazioni dell’ultimo mese (-4 per cento), degli ultimi 6 mesi (-26 per cento) e quelle da inizio anno (-29 per cento).

Considerando questi numeri, la tentazione di comprare azioni Amazon non può che essere molto forte. Ma è davvero questa la scelta giusta? Considerando che la tensione sui mercati finanziari è molto alta, Amazon è pronto a tornare ad essere un titolo da comprare?

Per rispondere a questa domanda può essere utile fare riferimento ad un recente report di Jefferies dedicato proprio al colosso e-commerce.

L’approccio tenuto dagli esperti nell’analisi è molto particolare. Amazon, infatti, viene valutata in ottica SOPT (acronimo di Sum of The Parts Valuation). Si tratta di un processo di valutazione di una società effettuato attraverso la determinazione di quanto varrebbero le sue divisioni aggregate se fossero scorporate oppure se fossero acquisite da un’altra società.

Stando ai calcoli di Jefferies, il SOTP aggiornato della società valuta le attività non retail di Amazon a 1,3T (contro un EV di 1,2T). Tale valutazione implica che l’attuale prezzo delle azioni attribuisca un valore praticamente nullo al Core-Retail. Ciò si traduce in un’opzione libera di 29 dollari/azione al prezzo attuale di Amazon visto che il titolo ha già incorporato gli effetti negativi derivanti prima dell’inflazione e poi dal rischio recessione. Gli esperti, quindi, si attendono che il mercato possa attribuire un valore maggiore al Core-Retail nel corso del tempo parallelamente ad una espansione della redditività a sua volta frutto della necessità di affrontare i venti contrari del capitolo costi.

Sempre nella nota di Jefferies, si evidenzia come Amazon presto dovrà far fronte a costi negativi compresi tra i 12 e 16 miliardi di dollari. In questo range si colloca l’impatto negativo derivante dalla combinazione tra inflazione, minore produttività e riduzione dei costi fissi. La società di Bezos, prosegue la nota, sta già iniziando ad affrontare questi venti contrari essendo riuscita a mettere a segno una riduzione sequenziale dei costi di 2 miliardi di dollari nel secondo trimestre facendo perno sulla leva dei costi e su una migliore densità delle rotte. Il colosso dell’e-commerce, inoltre, punta ad implementar euna politica di riduzione dei costi per tutto il 2022. Tale dinamica, hanno concluso gli esperti, dovrebbe aiutare la crescita del reddito operativo nonostante l’impatto negativo sulle vendite esercitato dal deterioramento del quadro macro.

Alla luce di quanto esposto del report, Jefferies si è detta positiva sulle prospettive di Amazon. Gli analisti, infatti, hanno confermato il rating buy (comprare) e il prezzo obiettivo di 165 dollari. Considerando quella che è la quotazione attuale del colosso e-commerce, sicuramente è presente un discreto potenziale di upside.

Chi volesse acquistare azioni Amazon oggi può farlo senza pagare commissioni grazie al broker eToro. Questo fornitore, oltre a proporre il trading azionario , consente anche di iniziare ad operare a partire da un deposito minimo di partenza di soli 50 dollari.

Apri un conto eToro e scopri come acquistare azioni >>>clicca qui

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.