2019, anno di ritorno alla realtà per i mercati

trading

Il 2019 si candida ad essere un anno di riequilibrio per i mercati finanziari, dopo il dinamismo del 2018.

CONDIVIDI

Stando a quanto affermano Joseph Little, Global Chief Strategist, Global Asset Management di HSBC, il 2019 sarà un anno di ritorno alla realtà per i mercati finanziari. Ma cosa significa? Quali sono le valutazioni della banca europea in tal proposito?

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Per l’analista, il 2018 va in archivio come un anno deludente per gli investitori. Di fatti, dopo i rendimenti eccezionali del 2017, il mercato si era probabilmente abituato ad un simile contesto che, però, si è gradualmente sgonfiato. Non tutto è però negativo: la buona notizia è che, nonostante il pessimismo, i fondamentali continuano a rimanere buoni.

La situazione economica globale sta passando dalla divergenza ciclica del 2018 ad un’economia trainata da due motori di crescita: Cina e Stati Uniti. L’andamento di queste due economie sarà davvero importante per la crescita economica del prossimo anno” – afferma Little, ricordando come l’incertezza sulle prospettive macroeconomiche cinesi sia particolarmente elevata.

Per quanto attiene gli Stati Uniti, la principale economia del mondo è destinata a rallentare, passando da una crescita ben al di sopra dei trend ad una crescita media standard entro la seconda metà del 2019, accompagnata da un graduale aumento dell'inflazione core. In tale scenario, è possibile che la Fed possa condurre a termine le proprie attuali proiezioni, che vedono aumenti dei tassi per circa 50 punti base da qui alla fine del 2019.

Ma dove investire, in questo contesto? Per l’esperto, esistono opportunità di crescita a prezzi ragionevoli soprattutto nel mercato azionario globale, piuttosto che nel debito corporate globale. “Le valutazioni attuali ci suggeriscono di concentrare il nostro budget di rischio tattico sul mercato azionario asiatico e sui mercati emergenti. Per quanto riguarda i portafogli multi-asset, pensiamo che alcuni titoli governativi americani siano interessanti, soprattutto rispetto ai titoli governativi europei” – aggiunge Little.

Riassumendo il 2018, l’analista condivide poi che nel 2019 le tradizionali convinzioni sugli asset considerati sicuri non hanno funzionato e che tra le principali asset class, solo il mercato azionario americano ed il dollaro hanno guadagnato nel 2018, mentre le altre asset class hanno avuto un andamento piatto o negativo .

Quest'anno abbiamo assistito ad un significativo re-pricing delle obbligazioni americane. Il premio al rischio delle obbligazioni governative americane - misurato dal rendimento futuro legato al possesso di obbligazioni rispetto al cash - è aumentato nel corso dell'anno ed è ora leggermente positivo e riteniamo che, attualmente, le obbligazioni americane short duration offrano interessanti rendimenti prospettici risk-adjusted. Al di fuori degli Stati Uniti, il premio al rischio sui titoli governativi a livello globale è ancora negativo” – dichiara.

Per quanto concerne l’asset allocation, i portafogli dovrebbero riflettere questo cambiamento nelle opportunità di mercato. HSBC suggerisce, nel complesso, di puntare ad una duration sottopesata a livello globale ma con un incremento della duration complessiva del portafoglio rispetto allo scorso anno.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro